To my brother Manža - Fotoracconto di TICLI ENRICO

Home/Fotoracconti

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito

To my brother Manža

Fotoracconto di TICLI ENRICO - Alia Pubblicato il 04/08/2016

C’è nu tiziu ca lu chiamu Manìa


ca ci piaci pigghjarisilla cu mia


tassi e bulletti ci mannanu di pajari


e cu mia minnitta vulissi fari!


 


Ma chi voli di mia? Chi ci puozzu fari?


Magari avissi putìri di nun lu fari pajari!


Ma iddu nsisti e voli ragiuni


la curpa è la mia e di lu comuni!


 


Pinsava, na vota, ca avìa li so boni ragiuni


ma lassallu fari divintau un turmintuni


notti e ghiurnu sempri la stissa sunata,


uffisi pi tutti si nun facieanu la so stissa pinsata.


 


Ma caru Manìa la to battagghia nun la vinci offinnieddu a mia


o pigghiannu di piettu tutti chiddi ca vidi pì la via!!


Quannu l’omu è priputenti, offensivo e pocu cumprindenti


nun po’ aspirari d’essiri apprizzatu di la genti.


 


Ma certi cosi, pirdunami l’arruganza,


i fannu l’omini ca criscinu n’virtù ,no solu di panza!


Ca criscìnu cu l’anni e cu lu sintimentu


e a stu munnu luordu forsi levanu un turmientu.


 


Comu haiu fatti nta tutti st’anni,


ca ti l’ha pigghiatu cu mia comu si fussi ia la causa di li tò malanni,


di tutti li to uffisi pi littra e pi parratu,


ti dicu “…a cu sputa n’cielu n’facci c’ha turnatu!!”


 


Ora si ti piaci continua a sbraitari e offenniri la genti


ma sappilu chistu nun ti fa ne scartu, ne omu, ne ntelligenti!.


A chiddi comu a tia miegghiu lassalli sbattiri cu la so manìa


e scrivici nà poesia comu ia ora fici a tià!

 



Pagina 1 di 1
1 immagini presenti
Viste 1438 - Commenti 5
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi fotoracconti