Alia: 2 Luglio - Fotoracconto di IT ALIA REDAZIONE

Home/Fotoracconti

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito

Alia: 2 Luglio

Fotoracconto di IT ALIA REDAZIONE
Alia: 2 Luglio

Lu paisi si struvigghia
cu lu scrusciu di la tampurinata
e cu li botti di la masculiata.

Pi tutti l`alisi è festa ranni.
E` la festa di la patruna,
la Madonna di li Grazi.

Li fistuna cu li luci di tanti culura,
li firanti e lu tiru a bersagliu,
li giostri e lu zuccaru filatu.

Cumincianu tri giorna di festa.
La banda sona pi li strati
purtannu allegria tra la genti.

Li carusi currinu e gridanu fistusi,
li fimmini s` affaccianu e talianu.
Tutti nni scurdamu li pinsera.

Lu paisi si ripopola
cu l`emigranti chi tornanu
e cu li genti di li paisi vicini.

tutti l’alisi su divuti a la Madonna,
li residenti e puru l’emigranti
e Idda nun passa iornu ca nun li binidici.

Li mumenti chiù mpuntanti di la festa
sunnu la missa di menziornu a la Matrici
e la solenni maistusa pricissioni.
Rapi la pricissioni un fratellu
ca porta, mputiri a li vrazza,
pi tuttu lu percorsu lu stinnardu.

A seguiri sfilanu a du fila li confratelli
cu la tunichedda, lu curduni
e la torcia addumata nta la manu

Appriassu sfilanu li pirsuni cu li purmusioni.
C’è cu sfila cu li muli carricati di furmentu,
c’è cu sfila scausu e cu sfila cu lu figghiu nta li vrazza.

Dopu li confratelli e li purmusioni
arriva la vara cu supra la statua di Maria
ca porta nta lu pettu lu bamminu.

La vara arriccuta di ciuri e manti pregiati
veni purtata a spadda di li volontari,
masculi e fimmini ca fannu anticchia l‘unu

Si crea un‘ atmosfera accussì magica e coinvolgenti
ca taliannu la Madonna ca passa, un brividu
ti veni nta la schiena e provi commozioni indescrivibili.

Dopu la vara di la Madonna
sfilanu tutti l‘ autorità:
lu sinnacu cu la fascia triculuri,

la giunta comunali cu tutti l‘ impiegati,
lu marasciallu cu li carabbinieri
e li pirsuni importanti di lu paisi.

Cu li strummenta nta li manu e li spartiti,
sfila la banda di li musicanti di lu paisi
ca sona li musichi appropriati.

All’urtimu, sfilanu a du fila lu riastu di l‘alisi
e nta lu mienzu di li du fila un parrinu,
cu lu megafono nta la manu, ca li fa cantari.

A lu passaggiu di la vara, li fimmini
c’arrestanu a li casi, salutanu la Madonna
stinnennu nta li finistruna cuperte e linzola.

La pricissioni dura ammenu tri uri e a lu ritornu,
davanti a la chiesa, lu parrinu binidici li pirsuna
mentri spara la masculiata e li campani sonanu a festa.

La festa continua cu lu spettaculu nta la chiazza
pagatu cu li sordi arricugghiuti nta lu paisi.
All’urtimu si chiui cu l’imponenti iocu di focu.

La festa finiu, ognunu di l’alisi
torna a la propria casa suddisfato
e già l’indomani pensa a la festa di natr’annu.
Giuseppe Biondo

 



Pagina 1 di 1
1 immagini presenti
Viste 469 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi fotoracconti