Voci Siciliane

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
LOIACONO MARCO LOIACONO MARCO Pubblicato il 29/04/2009
Caro Francesco, rispondo al tuo ultimo post, nel quale chiedi che diff

Caro Francesco, rispondo al tuo ultimo post, nel quale chiedi che diff

Caro Francesco, rispondo al tuo ultimo post, nel quale chiedi che differenza ci sia, sul lato dell'abbigliamento, tra prime comunioni e cresime. Ora, credo che tutti possiamo condividere che il "bianco" delle tuniche che solitamente si indossano per la prima comunione sia simbolo di purezza e semplicitÓ. PerchŔ, invece, per le cresime non si indossa nessun abito specifico? Confesso la mia ignoranza, a proposito. Per˛ io non mi fermerei soltanto all'abbigliamento della prima comunione e della cresima, quanto pi¨ in generale all'abbigliamento nei luoghi sacri: quante volte abbiamo visto persone con i pantaloni cosiddetti "a vita bassa" entrare in chiesa, o persone mezze svestite pronte per una gita in campagna? Si dice che Ŕ il tempo che passa, che tutto diventa moderno e bla bla. Siamo nel periodo in cui una persona svestita, in Chiesa, non fa pi¨ tanto scalpore ma una tunichetta con dei fili dorati... beh, si, questa si! Anche valori come la tradizione, il "mos maiorum" degli antichi, ormai.. sono passati di moda. In fondo, prima o poi anche la chiesa diventerÓ moderna: dopo l'omelia avremo la fine del primo tempo, come al cinema; oppure la comunitÓ si incontrerÓ la domenica alle 11 su facebook e via internet si parteciperÓ alla Messa, il catechismo? Ci sarÓ un corso di cartoni animati a puntate, non pi¨ catechisti. Ci ritroveremo cosý, se anche la Chiesa perde di vista il punto di riferimento: Lui

Alia - Viste 468 - Commenti 0