Voci Siciliane

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
LO BUE FRANCESCA LO BUE FRANCESCA Pubblicato il 24/02/2011
NON TE NE SEI MAI ANDATO

Susanna

Amore e morte. Amore a un proge

NON TE NE SEI MAI ANDATO Susanna Amore e morte. Amore a un proge

NON TE NE SEI MAI ANDATO Susanna Amore e morte. Amore a un progetto, a una idea, amore alle idee di un uomo? Amore, fievole schiuma nell’aria spezzata da un puntuto raggio che sfuma. Non ci hanno voluto, ce ne siamo dovuti andare, ce ne siamo andati con un’allodola giada nel cuore. Perché c’erano le macerie di fango e pietra, perché l’aria era vorace, perché chiamava l’eternità del dolore, della ferita, della notte muta, oscura, cieca. Aspettavano i rovi assetati, l’acciaio colpiva le strade nel freddo cavernoso delle albe fosche e maledette. Gli arcigni angeli della malora! La tua carne piagata - alata scintilla - chiama alla [bienaventuranza, fiore chiaro nella notte della paura. Si strizza la luna nella cisterna amara. Susanna! Ti rubarono la tua eternità matura, ti rubarono l’eredità dei tuoi giorni pieni. Susanna Bermejillo, compagna di studi universitari, barbaramente assassinata nel dicembre del 1975, vittima innocente di idologie repressive. NADA SE HA IDO Susana Amor y muerte. ¿Amor a un proyecto, a una idea, amor a las ideas de un hombre? Amor, tenue espuma en el aire quebrado por un puntudo rayo que se esfuma. No nos quisieron. No nos pudimos quedar. Nos tuvimos que ir. Nos fuimos con una alondra jade en corazòn Porque estaban los escombros de barro y piedra. Porque estaban los aires voraces. Porque llamaba la eternidad del dolor De la herida De la noche muda, oscura y ciega. Esperaban los adobes sucios, los yuyos sedientos... El acero golpeaba las aceras... Sin àrboles En el frìo cavernoso de las madrugadas hoscas y [malditas. ¡Y los enjutos àngeles de la malahora! Tu carne llagada - centella alada - clama a la [bienaventuranza. Flor de plata en la noche pavorosa. Se estruja la luna en la cisterna amarga. Susana... Te robaron tu eternidad madura, Te robaron la herencia de tus dìas plenos.

Alia - Viste 1122 - Commenti 0