Poesie Siciliane

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
NASCA GIUSEPPE NASCA GIUSEPPE Pubblicata il 15/03/2011

A Giulia

Sugnu lu scanusciutu ca tu cerchi,
chiddu ca l`uri tingi
di la to notti antica
ed ali duna a la to menti stanca,
chiddu ca di cilestru l`occhi llinchi
di tia ca dormi e `nsonni.
E` negghia la me facci,
é focu lu me corpu,
su` ventu di caluri li me manu,
é cantu la me vuci
e l`occhi mei di stiddi ci hannu furma.
L`angilu sugnu o forsi lu dimoniu
ca scava nta to menti ed arrusbigghia
la bizzocca ca dintra t`arriposa
e fremi di sunari cu passioni
l`arpa scurdata di lu tempu jutu.
Ju sugnu lu pitturi senza nomu,
patruni di la notti,
ma la me tila é ricca di culuri,
cchiù di l`arcubalenu,
e cu lu punseddu dugnu luci
a lu scuru cchiù funnu e tinibrusu.
Ma si di tantu sugnu lu campiuni,
scumparu cu lu jornu e cu lu suli
ca vinci lu scunfortu di la vita
e mutu mi cunfunnu tra la genti
e nuddu sugnu e nenti;
eppuru mi talii ,
nun é cchiù negghia la me vera facci,
nun é cchiù ventu la me manu stisa,
nun é cchiù sonnu lu me corpu veru!
D`accussì restu notu scanusciutu
e passa la to vita senza mia,
sonnu sunnatu di la notti fridda,
fami sbisesta di frinati sensi,
spiranza accarizzata e mai vuluta.
Ma si lu tempu trovi
e l`occhi attornu movi
e nun ti manca vuluntati e fidi
lu jornu veni ca mi vidi infini;
allura non cchiù sònnira pirduti,
ma paradisu in terra
ti dugnu e notti e jornu
e puru si lu scuru si pizzia,
la luci di l`amuri non ti manca.

Commento: Giulia é la figura simbolica di una donna che sogna l`amore
e non si accorge di chi nella realtà potrebbe renderla felice.

Autore: Nasca Giuseppe
Poesia III^ classificata al VI° Concorso di Poesia "NINO ORSINI" -
Sez lingua dialettale D.L.F. Palermo - Anno 1991

Letture 833 - Commenti 0
Pubblica le tue poesie
Vuoi pubblicare le tue poesie?
Inviacele al seguente indirizzo di posta elettronica : assarca2001@gmail.com