Notizie della Sicilia

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
IT ALIA REDAZIONE IT ALIA REDAZIONE Pubblicato il 29/06/2018
DA PALERMO CAPITALE DELLA CULTURA A MADONIE LANDSCAPES

DA PALERMO CAPITALE DELLA CULTURA A MADONIE LANDSCAPES

Non c’è solo  Palermo capitale della cultura 2018 ma anche Madonie Landscapes. Un programma d’iniziative, fino a dicembre, realizzato dal Museo Civico di Castelbuono, capofila dell’Area Metropolitana per il progetto  Palermo Capitale della Cultura, dall’Ente Parco delle Madonie e da 13 Comuni: Bompietro, Caltavuturo, Castelbuono,  Castellana Sicula , Gangi, Geraci Siculo, Gratteri, Isnello, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Pollina, San Mauro Castelverde che condividono tradizioni, arte, cultura e scienza. Un format che valorizza, e racconta un patrimonio fatto di luoghi di grande interesse storico e che coniuga aspetto e sostanza, colori e sapori, forme espressive e tradizioni popolari. Un’esperienza turistica originale che si unisce ai valori dell’accoglienza e alla bellezza dei siti naturalisti.

Il progetto Madonie Landscapes(paesaggi delle Madonie) che include itinerari naturalistici, artistici e religiosi sarà presentato domani (sabato 30 luglio) a  Palermo, tra via Maqueda, Palazzo S’Elia e i Quattro canti, in occasione di Madonie in Scena, la kermesse promossa dal Parco delle Madonie per  Palermo Capitale della Cultura. Saranno illustrate e proposte varie iniziative culturali, esposizioni, conferenze, rievocazioni, festival, eventi musicali, una residenza d’artista eventi che vedranno protagonisti, nei prossimi sei mesi, le opere di artisti del calibro di: Sellerio, Leonard Freed, Josip Ciganovic, Sandro Scalia, Ezio Ferreri, Michele Di Donato, Domenico Stagno, Aldo Pecoraino, Olaf Nicolai, Letizia Battaglia, Croce Taravella e tanti altri.

Contaminazione di un territorio elegante e complicato come un’antica calligrafia, Madonie Landscapes propone una visita in posti incantevoli dove da una collina lo sguardo spazia nelle verdi vallate madonite o ancora è possibile vivere un piccolo borgo con il fascino delle sue tradizioni. Da  Palermo, capitale della cultura 2018, alle Madonie il passo è breve e l’avventura è nel muoversi per ore in luoghi dove l’uomo risulta prezioso perché la sua presenza è rara e la sua ospitalità a prova di storia. Le Madonie vanno vissute senza fretta, lungo itinerari che collegano alcuni dei centri storici più belli e forse meno noti, l’incontro con il vero paesaggio culturale e artistico italiano per un turismo esperienziale all’interno del Parco Naturalistico delle Madonie riconosciuto, dal 2016, “Unesco Global Geoparks”.

Per Laura Barreca direttrice del museo Civico di Castelbuono capofila del progetto: “Madonie Landscapes vuole essere volano per il rilancio turistico e culturale del territorio madonita ed è nato dalla collaborazione strategica degli amministratori dei tredici comuni aderenti, con i quali abbiamo lavorato in occasione della programmazione culturale di “ Palermo Capitale della Cultura 2018”. E’ una piattaforma di buone pratiche progettuali pensata per promuovere le Madonie come “brand”, fondato su un patrimonio materiale e immateriale tra i più ricchi d’Italia, che rende il paesaggio madonita un unicum nel Mediterraneo. L’obiettivo è di riposizionare le Madonie come meta d’interesse in un circuito turistico e culturale internazionale”.

Castelbuono - Viste 60 - Commenti 0