GUARDIE & LADRI

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
Pubblicato il 30/01/2006
<b>GUARDIE & LADRI </b>
L’eventuale pubblicazione di parziali brani musicali allegati a testi scritti è fatta a titolo di Demo, essendo essa finalizzata a documentare la relativa ricerca della rubrica “Radici & civiltà” non avente scopo di lucro, ma, piuttosto, finalità di libera divulgazione culturale.

GUARDIE & LADRI


Il dialetto lombardo nei testi di Maghini/Rodini
e nell’interpretazione del gruppo musicale “TEKA-P“.



”lui… per non farsi prendere;
aveva solo un certo vizietto:
a volte gli prudevano, gli prudevano le mani
e allora seguendo il destino
cercava il bottino da portarsi a casa.


Lui correva come un dannato
lui… correva dietro a quell’altro;
lo faceva per portare a casa i soldi:
aveva una moglie, un’amante ed un figlio
e allora seguendo quell’altro
cercava il bottino per necessità. ”. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .



Adesso che non ha più niente da fare
va al Mokarabia Cafè;
non ruba più, ma con quello che ha rubato
ha la pensione anche lui
forse gli prudono ancora le mani,
ma ormai cosa importa, è lo stesso, però…


Un giorno, non c’era niente in tv,
passò dal Mokarabia Cafè
la moglie è a casa, l’amante non c’è più,
e il figlio lo incontra la domenica…
“mi dia un altro bicchiere di vino…”
lo urta, si gira…”…e adesso cosa fai?…”


Ti ricordi i vecchi tempi?
Scappavo sempre
di giorno, di notte, per “lavorare”, in giro di qua e di là...
correvo come un treno, ma non riuscivo a prenderti,
a parte quando sei uscito e io ero giù ad aspettarti …
sembrava ieri: correvamo sui tetti;
pensa … non mi tira neanche più …
non facciamoci prendere dalla commozione…
ancora qualche bicchiere… finiamo il bottiglione..


Loro correvano come dannati,
loro adesso si sono rincontrati;
passano il pomeriggio e si raccontano la vita
che è stata e che sarà …
poi giocano a carte e a boccette:
hanno tutti e due in mano…
cos’è che hanno in mano?
Hanno tutti e due in mano…
in mano … quattro sette!


____________________________________________
(Il gruppo “Teka-P” ha vinto il 1° premio alla
VII^ edizione del Festival nazionale della canzone
dialettale, tenutosi ad Ospedaletto nel 1983.)



Viste 5045 - Commenti 0