Dottoresse... - (Doutoras...) -

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
INGUAGGIATO SALVATORE INGUAGGIATO SALVATORE Pubblicato il 22/02/2006
<b>Dottoresse...</b> - (Doutoras...) -

Dottoresse... - (Doutoras...) -





Un giorno, una donna di nome Anna si recò a rinnovare la patente di guida.
Quando le domandarono quale fosse la sua professione, lei esitò. Non seppe dire come dovesse definirsi.
L'impiegato insistette: "Quel che le chiedo é se lei lavora."
"Certo che lavoro" esclamò Anna, ”sono madre."
"Questo non lo consideriamo un lavoro. Scriverò: casalinga" , disse freddamente l'impiegato.

Un’ amica di Anna, di nome Marta, seppe quel che era accaduto e rimase molto colpita da questo fatto.

Un giorno anche lei si trovò in una situazione analoga. La persona che si occupò di lei era un impiegato di carriera, sicuro ed efficiente.
La cosa sembrava importante e lunga.

La prima domanda fu: "Qual è la sua occupazione? “Marta pensò un poco per saper bene come rispondere:

“ Sono dottoressa in Scienze dell’età evolutiva ed in relazioni umane." L'impiegato si fermò un attimo e Marta ripeté piano, piano, enfatizzando le parole più espressive.

Dopo avere scritto tutto, il giovane osò domandare;
“ Posso chiedere, cosa fa precisamente? "
Senza alcuna segno di agitazione nella voce, con molta calma, Marta spiegò:
"Sviluppo un programma a lungo termine, dentro e fuori casa."

Pensando alla sua famiglia, continuò: “sono responsabile” di una squadra ed ho avuto commissionati quattro progetti. Lavoro in regime di impegno esclusivo. L’impegno è di 14 ore al giorno ma qualche volta lavoro anche per 24 ore.“

Mentre descriveva le proprie responsabilità, Marta notava il crescente tono di rispetto nella voce dell'impiegato, che stilò il questionario con i dati raccolti.

Quando tornò a casa, Marta fu accolta dalla sua squadra: una ragazza di tredici anni, un altro di sette anni ed un altro di tre anni.Poi dalla camera posta al piano superiore, sentì il suo nuovo progetto, un bambino di sei mesi, che aveva una diversa tonalità di voce.

Felice, Marta prese il bambino tra le sue braccia e pensò alla gioia della maternità, con le sue infinite responsabilità e con i tempi infiniti di impegno....

"Mamma, dove sono le mie scarpe? Mamma, mi aiuti a fare la lezione? Mamma, il bambino non smette di piangere. Mamma, vieni a prendermi a scuola? Mamma, posso frequentare un corso di ballo? Mamma, mi compri…? Mamma...

Seduta sul letto, Marta pensò: "Se io sono una dottoressa in Scienze dell’età evolutiva ed in relazioni umane, che cosa sono state le nonne? "

È trovò ben presto un titolo per loro: signore dottoresse in scienze dell’età evolutiva ed in relazioni umane.

Le bisnonne: signore dottoresse esecutive.

Le zie: dottoresse assistenti.

E tutte le donne, madri, mogli, amiche e compagne:

dottori nell'arte di rendere la vita migliore.

In un mondo in cui si da molta importanza ai titoli, in un mondo in cui diventa sempre più richiesta una grande specializzazione, nell'area professionale, tu, donna, diventa una specialista nell'arte di amare.

Autore ignoto



Traduzione dal Portoghese di Salvatore Inguaggiato


Viste 4662 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali