Tempo di Quaresima

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
LOIACONO MARCO LOIACONO MARCO Pubblicato il 21/03/2006
<b>Tempo di Quaresima</b>

Tempo di Quaresima


Con il Mercoledì delle Ceneri ha inizio il periodo di Quaresima che culminerà nella Settimana Santa.


MERCOLEDI’ DELLE CENERI.


Verso la fine del V secolo, la chiesa introduce una innovazione nella celebrazione della Quaresima: il periodo quaresimale non inizia più alla domenica, ma al mercoledì, con l'imposizione delle ceneri sul capo dei fedeli in segno di penitenza e contrizione per le intemperanze carnevalesche.


Le ceneri utilizzate per la celebrazione sono quelle ottenute bruciando le palme e gli ulivi benedetti l'anno prima nella Domenica delle Palme, il celebrante pronuncia inoltre la frase rituale "ricordati, uomo, che sei polvere ed in polvere ritornerai".


LA QUARESIMA.


La Quaresima ha lo scopo di invitare i fedeli a imitare il periodo di 40 giorni di meditazione e astinenza che Gesù passò nel deserto prima di cominciare la sua predicazione.


Non si ha nessun documento a testimonianza della celebrazione della Quaresima prima del Concilio di Nicea nel 325.


In realtà la Quaresima dura 44 giorni e va dal Mercoledì delle Ceneri al momento della Messa Vespertina (In Cena Domini) del Giovedì Santo.


Nelle zone in cui è in vigore il Rito Ambrosiano, invece, il periodo di Quaresima dura esattamente 40 giorni e va dalla domenica successiva al Martedì Grasso (con il protrarsi del Carnevale fino al Sabato della stessa settimana) al Giovedì Santo.


La Messa Vespertina del Giovedì Santo apre il periodo detto Triduo Pasquale che durerà dal Venerdì Santo al giorno di Pasqua.


Inizialmente il periodo Quaresimale venne osservato in modo difforme dalle varie chiese: la chiesa di Roma e Alessandria, ad esempio, osservava un periodo di digiuno che coincideva con la Settimana Santa. Più tardi la chiesa di Roma aggiunse due settimane a questo periodo di penitenza, e poi altre tre settimane.


Il digiuno quaresimale consiste nel fare un solo pasto al giorno, e nell'astenersi dai cibi vietati. Nei giorni di digiuno la chiesa permette un leggero pasto di ristoro alla sera, se l'unico vero pasto avviene a mezzogiorno, o a mezzogiorno se si stabilisce alla sera il proprio pasto principale.


FINE DELLA QUARESIMA.


La Quaresima si chiude con la Settimana Santa.
La Settimana Santa si apre con la Domenica delle Palme.
Nella Domenica delle Palme si ricorda l'ingresso trionfale di Gesù nella città di Gerusalemme sei giorni prima della Sua Passione.


Il Suo ingresso nella città fu accolto da una folla di gente semplice e di fanciulli con in mano palme e ulivi in segno di gioia, pace e saluto.


La chiesa celebra questa giornata con una serie di riti quale la processione, in cui i fedeli portano in mano un ramo di palma o di olivo. Al ritorno dalla processione si batte tre volte alla porta della chiesa, prima che essa sia aperta, a significare che la porta del Paradiso, chiusa alle spalle di Adamo ed Eva dopo la loro cacciata, viene riaperta da Cristo con il sacrificio della Sua morte.


In chiesa, palme e ulivi vengono benedetti: verranno poi bruciati e le ceneri verranno utilizzate nelle celebrazioni del Mercoledì delle Ceneri dell'anno successivo


di Marco Loiacono



Viste 3263 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali