Bassan çità de vento

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
Pubblicato il 26/03/2006
<b>Bassan çità de vento</b>
L’eventuale pubblicazione di parziali brani musicali allegati a testi scritti è fatta a titolo di Demo, essendo essa finalizzata a documentare la relativa ricerca della rubrica “Radici & civiltà” non avente scopo di lucro, ma, piuttosto, finalità di libera divulgazione culturale.

Bassan çità de vento


LOCALITA’ DI RIFERIMENTO: Bassano del Grappa Provincia di Vicenza



Do anzoli de aria
cò le trombe de arzento
sonava strane storie in paradiso
supiando pian e forte
forte e pian:
cussì xe nato
el vento.


Ne la gran boca verde de montagna,
che basa el me Bassan,
adesso el sta de casa.


‘na sberla, sberla bona,
supio san
che spaura i caivi,
che lustra le contrade,
che sburna su le costole del monte
scavejando ‘i’olivi,
e slonga el sbatociar de le campane.


Ne le notte d’inverno, nel camin,
le ciàcole del vento
pare storie lontane.
El siga, el sona, el pianze, el supia, el parla;
la foja zala el ninola sospesa,
el suga ‘e strasse de la pora zente;


forse l’è el fià de Dio
che disegna co’ e nuvole le fiabe:
un nissòlo de gnente
dove se cuna dentro le sisìe.


De Gino Pistorello


Voçe de Giulia Benozzati


==================================


Bassano città di vento


Due angeli di aria
con le trombe d’argento
suonavano strane storie in paradiso
soffiando piano e forte
forte e piano.
Così è nato
il vento.


Nella grande bocca verde della montagna
che bacia la mia Bassano,
adesso è di casa.


Uno schiaffo, un forte schiaffo
soffio sano
che impaurisce le stradine,
che lucida le contrade,
che soffia sul crinale dei monti
scompigliando (le chiome) degli ulivi
e amplia (il suono) dei rintocchi delle campane.


Nelle notti d’inverno, nel camino
le chiacchiere del vento
sembrano storie lontane,
(il vento) grida, suona, piange, soffia, parla;
dondola la foglia gialla sospesa,
asciuga gli indumenti della povera gente;


forse è l’alito di Dio
che disegna con le nuvole le fiabe;
un piccolo lenzuolo
dentro cui si dondolano le siselle (gli uccellini).


Viste 7051 - Commenti 0