Le Elezioni - (L’Elezioni) -

Visita il nuovo store di vendita online di prodotti agroalimentari siciliani www.shop-e.it

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
Pubblicato il 07/04/2006
<b>Le Elezioni</b>  - (L’Elezioni) -

Le Elezioni - (L’Elezioni) -


Tratto da “Focu di Muncibeddu” (CHIANCI ED ARRIDI) ed. 1910 di Vito Mercadante (1873/1936).


Ricerca effettuata da Giovanni Rinaldi.


LOCALITA’ DI RIFERIMENTO: Prizzi (Provincia di  Palermo)


Non mi conosce niuno tutto l'anno,
sono un villano, uno scarpone rozzo;
ora son tutti qui: vengono e vanno,
chi mi tira la mano, e chi il braccio;


sino in campagna vengono a cercarmi,
non c'è nè voi, nè zio, ma Vito caro;
son tutte cerimonie, ed il parlare
diventa miele ed era fiele amaro.


Stanotte a mezzanotte ero coricato;
- toppi, toppi - Chi è costì? - Apri minchione!
- (Che sono i padroni?) Ora a letto
sono - Qui c'è il sindaco, poltrone.


Il sindaco di notte, qui, da me?!
A piedi scalzi affaccio a la finestra;
il sindaco e gli amici nella via,
il vigile ed una guardia campestre.


Chi mi dice che sono dei fidi,
chi mi vuole portare a consigliere,
chi mi promette e fave e bietola,
chi mi toglierà l'arte e mestiere;


il mondo intero lo fanno e lo disfanno;
e poi contenti che sono un minchione
mi porgono la scheda e se ne vanno;
io mi ridistendo sopra il paglione.


Un quarto d'ora e sento ancora.
- toppi toppi - alla porta; apro e chi vedo?
Don Virticchio, due maestri ed un campiere..
tieniti fermo, gargarozzo mio!


"Il sindaco è un birbante, e gli assessori
sono ladri di passo; un consigliere,
invece di fare alla chiesa i muri,
comprò gli orecchini alla moglie;


"ed un altro le comprò una bella veste
ci sono cose che non si possono dire;
ma noi, voi lo sapete, gente onesta ...
... e mi porge la scheda e cinque lire ...


Benedetto l'amore che mi tenne!
Gli sbatacchiai la porta contro il muso
gridando: lo zio Vita non si vende,
chè è tutto un pezzo ed un colore, rosso;


e lo sappiamo: tutti ladri siete,
lo sappiamo perchè vi affaccendate,
allorchè al municipio vi riunite
perfino i mattoni gli scippate;


Firmate i contratti a fantasia
con gli amici più ladri e svergognati;
pagate una capretta come me
ed avete i prodotti assicurati.


Brigata di ladroni andate via,
chè tutti li conosciamo, le magagne;
andatevi a cercare chi si vende;
io voto con la lega, su' compagni!


di Vito Mercadante, il cosiddetto poeta sindacalista di Prizzi.


Viste 5997 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali