Padre Damiano Barcellona - II -

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
Pubblicato il 12/08/2006
<b>Padre Damiano Barcellona</b>    - II -

Padre Damiano Barcellona - II -



IL PROFILO STORICO-BIOGRAFICO



Dalla relazione di presentazione di don Paolo Iovino dell’Opera “Epistolario 1935 -1987”, da lui stesso curata:



Mi limito ad alcune note sintetiche, corredate da qualche citazione epistolare.


Innanzitutto, è indispensabile il riferimento all'episcopato di S.E. Mons. Emiliano Cagnoni (1934-1969), che segna l'ultima fase della sua preparazione al Sacerdozio, nel locale Seminario, diretto dal Rettore Mons. Misuraca e dal padre spirituale Mons. Mariano Campo. Il vescovo Cagnoni lo ordina Presbitero della sua Chiesa nel 1936, un anno dopo averlo mandato a completare la sua formazione culturale con lo studio delle Lettere classiche presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, appena nata., in vista di un futuro, qualificato servizio alla Scuola del Seminario. In questo nuovo, stimolante ambiente culturale, lo studente universitario Damiano Barcellona intreccia intensi rapporti personali, oltre che con p. Agostino Gemelli, Rettore dell'Università, e con il prof. Giuseppe Lazzati, suo futuro Relatore della Tesi di Laurea, anche con i tanti colleghi di studio, tra i quali d. Giuseppe Dossetti, e con alcuni confratelli della Diocesi di Monaco di Baviera, dove si reca, nei periodi estivi, per approfondire la conoscenza della Lingua tedesca.


È ancora il Vescovo Cagnoni che lo accoglie giovane sacerdote al rientro dei suoi studi, nella diletta Diocesi, coinvolgendolo in pieno nel lavoro pastorale. Emergono così i nuovi, più stabili ambiti della sua attività. Il Seminario, innanzi tutto, dove svolge il compito di Professore di Latino e Greco al Liceo fino al 1948, di Padre spirituale fino al 1963, ed infine di Rettore dal 1969 al 1971. La medesima attività di padre spirituale svolge, contemporaneamente, presso le studentesse del Collegio di Maria, che si rivelerà feconda di preziosi frutti nello Spirito, posti a servizio della chiesa locale, ma anche della vita consacrata in Istituti secolari, in Congregazioni religiose e in Ordini monastici. Segue la parrocchia della Cattedrale di Cefalù, della quale è nominato Parroco nel 1972 e dove opera fino al 1988.


Nel medesimo arco di tempo, si aggiungono altri incarichi: Assistente spirituale del ramo femminile dell'Azione Cattolica nella città di Cefalù e poi Delegato vescovile per la Diocesi; Assistente spirituale della "San Vincenzo" e primo Consulente ecclesiale dell'U.C.I.I.M. Ambiti molteplici e con diversa connotazione ecclesiale, ma che, nella svolta degli anni '60, vengono tutti attraversati, in vario modo, dal soffio innovatore dello Spirito conciliare. Padre Barcellona non si sottrae a quella irruzione di vita, anzi l'accoglie con entusiasmo, trasformandosi a sua volta in convinto divulgatore. È un momento di vero collaudo del suo equilibrio interiore, frutto dell'unione costante con il Signore e della ricerca del suo volere, alimentate da una vita di preghiera mite, umile, ubbidiente e pronta al servizio delle anime.



Segue terza parte



________________________________

Nella foto, Padre Damiano Barcellona






Viste 4072 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali