A signora e ll'armuà

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
Pubblicato il 10/09/2006
<b>A signora e ll'armuà</b>
L’eventuale pubblicazione di parziali brani musicali allegati a testi scritti è fatta a titolo di Demo, essendo essa finalizzata a documentare la relativa ricerca della rubrica “Radici & civiltà” non avente scopo di lucro, ma, piuttosto, finalità di libera divulgazione culturale.

A signora e ll'armuà




LOCALITA’ DI RIFERIMENTO: ( Napoli ) - CAMPANIA -

Ricerca di RAFFAELE BRACALE , (napoletano)

tratto da http://www.dialettando.com

Voce narrante di Rosario Bacioterracino, (napoletano)

A signora e ll'armuà

Na signora teneva ‘nu ‘mpiccio dint’ â

stanza ‘e lietto, pecché appena pe ‘mmiz’ â

via passava o ‘nu camiònne o n’autobbusse

pesante, lle s’arapevano ‘e pporte ‘e ll’armuà.


Chiammaje ‘o masterascio e lle

spiegaje ‘o probblema; ‘o pover’ommo

faticaje cu cuscienza, accuncianno ‘e

ttacchie sott’ ô mobbile, guardanno bbuono

‘e scive, e alla fine dicette ca tutto steva a

pposto; se pigliaje pavato e se ne jette, ma

ô primm’ autobbusse ca passaje, ‘e pporte

s’arapettono n’ata vota; ‘a signora

chiammaje n’ata vota ‘o masterascio che

decidette ‘e se ‘nchiudere dint’ a ll’armuà,

pe cuntrullà ô mumento esatto d’’o ‘mpiccio.

Passajeno pochi minute e ammasunaje ‘o

marito d’’a signora, jette direttamente a

ll’armuà e ‘ncucciato ll’ommo ‘mmiez’ê

vestite, tutt’ appezzato lle spiaje che stesse

facenno; ‘o masterascio, stralunato,

rendennose cunto d’’a situazione ‘nzipeta,

rispunnette: ”Si i’ mo ve dicesse ca sto’

aspettanno ll’autobbusse, vuje me credisseve?”

Traduzione in Italiano

LA SIGNORA E L'ARMADIO

Una signora aveva un problema in camera

da letto, perché appena, nella strada,

passava : o camion o un autobus

pesante, si aprivano le porte dell’armadio.

Chiamò il falegname e gli spiegò

il problema. L’operaio lavorò con attenzione,

risistemando le zeppe sotto il mobile e

verificando le cerniere, alla fine disse che

tutto era a posto, incassò il giusto e andò via.

Al primo autobus che passò, però, le

porte si riaprirono. La signora richiamò il

falegname il quale decise di mettersi in

attesa chiuso nell’armadio per controllare al

momento giusto il disguido.

Passarono i minuti e rincasò il marito della signora,

si recò direttamente all’armadio per cambiarsi e alla vista dell’uomo accovacciato tra i

vestiti, rosso in volto chiese cosa faceva.

L’operaio, confuso, rendendosi conto della

situazione equivoca, rispose :” se adesso vi

dicessi che aspetto l’autobus mi credereste ?"


Viste 7527 - Commenti 0