U zu pietru Na la me strata, quann’eru picciriddu, ci stava u zu Pietru, ca tutti ci dicianu,” u zu Pietru cardunieddu vugghiutu”.

Un cristianu bonu ca tutti ">

Radici & Civiltà

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
SPEDALE MARIO SPEDALE MARIO Pubblicato il 17/09/2006
<b>U zu pietru</b>
L’eventuale pubblicazione di parziali brani musicali allegati a testi scritti è fatta a titolo di Demo, essendo essa finalizzata a documentare la relativa ricerca della rubrica “Radici & civiltà” non avente scopo di lucro, ma, piuttosto, finalità di libera divulgazione culturale.

U zu pietru

( Il seguente testo in dialetto è contestuale a quello in lingua italiana )



" Na la me strata, quann’eru picciriddu, ci stava u zu Pietru, ca tutti ci dicianu,” u zu Pietru cardunieddu vugghiutu”.

Un cristianu bonu ca tutti rispittavanu. U zu Pietru, ora ca era viecchiu e chinu di dulura, na l’astati si stava assittatu davanti la sò porta, cu la testa appuiata a lu vastuni e cu passava passava, a tutti scumpunìa.

A cu dicìa “chi bedda picciridda chi hai”, a cu dicìa “scinni di cavaddu picchì lu mulu è stancu”, a cu ci cunzigghiava sta cosa, a cu ci cunzigghiava natra cosa e, quannu era tiempu di vinnigna, a tutti i viddani chi passavano cu li tunedda chini, ci addumannava ‘na rappa di racina.

Iu ca eru picciriddu e iucavu strata strata, na vota, quannu murì na cristiana e la campana di la Matrici sunava l’angunìa, u zu Pietru ma addumannò: “Mariu cu muriu? ”, iu, ca lu sapìa, ci dissi, “zu Pietru, comu? u nnu lu sapi? Muriu la za Pippina la cantarara”.

Lu zu Pietru si stetti anticchia zittu, pua ittò un suspiruni e mi rispunnì, “chi vò fari figghiu miu, era na bona cristiana ma, sinnìu a vaffa ’n…. puru idda”.

U tempu passava, c’era cu nascìa, ma c’era cu murìa, e quannu natra iurnata sunà l’angunìa, lu zu Pietru ca mi vitti passari, ma dumannò : “Mariu cu murìu? Iu, ca lu sapia, ci rispunnìu, “comu zu Pietru? u nu lu sapi?, muriu u zu Giuvanni l’urdunaru”.

U zu Pietru fici li stessi mossi di prima e dissi la stessa cosa puru pi iddu.

Natra iurnata, parsi fatta a posta, mentri iu stava iucannu davanti la porta di lu zu Pietru, sunàu arrieri l’angunìa e lu zu Pietru, subito prontu, m’addumannò, “Mariu cu muriu?, iu, ca lu sapia, subitu ci arrispunniu, “comu zu Pietru unnu lu sapi? murìu lu zu Pasquali lu
stagnataru”
.

Lu zu Pietru fici li stessi mossi di prima e dissi la stessa cosa puru pi iddu.

Arrivutu a stu puntu, iu unni potti chiù e ci dissi a lu zu Pietru: “Zu Pietru, e quannu mori vossia? Lu zu Pietru si stetti anticchia zittu, pua ittò un suspiruni e mi rispunniu: “chi vua fari figghiu miu, vinniti a vaffa ’n….puru vuautri”. "



Versione italiana__________________________


Lo zio Pietro


" Nella mia via, quando ero bambino, abitava lo zio Pietro, da tutti soprannominato lo zio Pietro, piccolo cardo bollito

Un uomo buono che tutti rispettavano.

Lo zio Pietro, ormai vecchio e acciaccato dai dolori, durante l’estate stava seduto davanti all’uscio di casa sua, con la testa china sul bastone e rivolgeva la parola a tutti i passanti.

Dicendo all’uno: “che bella bambina che hai“, dicendo all’altro”smonta di sella poiché il mulo è stanco”, dando vari consigli anche ad altre persone, e quando era tempo di vendemmia, a tutti i contadini, che passavano da lì con i contenitori di legno pieni d’uva addosso ai muli, chiedeva un grappolo d’uva.

A me, che allora ero bambino e che giocavo per strada, una volta alla morte di una donna e al suono dei rintocchi di campana della Matrice, lo zio Pietro, vedendomi passare, chiese “Mario, chi è morto” ? Io, essendone informato, gli risposi ” è morta la zia Peppina la cantarara”

Lo zio Pietro rimase per qualche attimo in silenzio e, sospirando, mi disse :”che cosa ci vuoi fare, figlio mio, era una buona donna, ma è andata in malora anche lei”

Il tempo passava, c’era chi nasceva e chi moriva, e quando un altro giorno la campana suonò i suoi rintocchi a morte, lo zio Pietro, vedendomi passare, mi chiese: “Mario, chi è morto” ? Io, essendone informato, gli risposi ” è morto lo zio Giovanni l’ordonaro”

Lo zio Pietro fece gli stessi gesti di prima e disse la stessa cosa anche per lui.

Successivamente, per pura coincidenza, mentre stavo giocando davanti l’uscio di casa dello zio Pietro, la campana della chiesa suonò ancora i suoi rintocchi a morte e lo zio, subito pronto, mi chiese: “Mario, chi è morto” ? Io, essendone informato, gli risposi ” come, zio Pietro, non lo sapete? è morto lo zio Pasquale, lo stagnino” ?

Lo zio Pietro fece gli stessi gesti di prima e disse la stessa cosa anche per lui.

Arrivati a questo punto, non mi seppi trattenere più e gli chiesi ” zio Pietro e quando morirete Voi ?

Lo zio Pietro rimase per qualche attimo in silenzio e, sospirando, mi disse :”che cosa ci vuoi fare, figlio mio, anche tutti voi andrete in malora. "



Viste 5268 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali