La Nuvena di Lu Bamminieddu

Visita il nuovo store di vendita online di prodotti agroalimentari siciliani www.shop-e.it

Radici & Civiltà

Pubblicato il 17/12/2007
<b> La Nuvena di Lu Bamminieddu</b>

La Nuvena di Lu Bamminieddu

...mi permetto di introdurre questi versi di Didacus, sottolineandone la bellezza evocativa di un remoto tempo di fanciullezza, quando non era raro renderla partecipe di intensi ed estasiati sentimenti di fede.

Semplicemente delizioso è altresì l'armonioso intreccio di Inglese, Latino, Siciliano e Italiano della lirica. (by Reporter)

__________________________________


I remember latina Nuvena,

nine days before Holy Night,

every afternoon, dark before,

a little basket, full of straw,

on presbyterial balustrade,

a Baby Boy from Ortisèi,

between year nineteen forty five

and the year fifty four…

Stabat Infant from Ortisèi,

and little boys and little girls,

singing, in chorus, red the cheeks

Regem venturum… regem venturum…

Dominum… Dominum…Adoremus

Bambinello, in acero, da Ortisèi

We sung, in chorus, boys and girls,

little boys, little girls,

et duo cantores Regem venturum…

Dominum Dominum… recantitabant…

E ia, fratuzzu di cincu’, se’ anni,

nni’ na famigghia di già quattro figghi,

lu Bamminieddu di la balaustrata,

fratuzzu di Chiddu a mmia mi parìa

ca patri Cirritu ventùrum dicìa…


DIDACUS


Viste 4906 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali