<i>L’amuri ‘un č bruoru di cěciri!…</i>

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
Pubblicato il 27/04/2008
<b><i>L’amuri ‘un č bruoru di cěciri!…</i></b>

L’amuri ‘un č bruoru di cěciri!…

_______________________________________________________________

Versi di Didacus che ricordano antiche espressioni popolari sia sul tema dell’amore, testimoniato da arcani eventi naturali sia su quello della stentata vita agreste di una volta. (by Reporter)

____________________________________________________________




E’ l’amuri chi lu pumu fa liari,


fa calari lu latti nni la minna,


fa quagghiari lu cěu di la mičnnula,


la bedda frittedda fa cůnchiri,


furrania di li puvurieddi…


Chi nni purtŕ?…”, dicěamu a me’nannu,


quannu s’arridducěa di la campěa,


“cutupiddi!…”, me’ nannu arrispunněa;


nn’arrispunněa, me’ patri, “cutupiddi”,


quannu viněa di Marcatubiancu,


a ttiempu d’intrallazzu e contrabbannu…


E duoppu sessant’anni, un misi e un gnuornu,


“Chi fruttu č chistu?!…”, ancora, m’addumannu.


Didacus


Viste 20133 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali