di prima matina , edita nel 2002 dal Comune di Alia, per gentile concessione.

La poesia rievoca magistralmente alcune figure tipiche dell'ordinaria attività lavorativa degli anni '50. (by Reporter)


">

Radici & Civiltà

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
RUNFOLA ITALO RUNFOLA ITALO Pubblicato il 12/05/2008
<b>di prima matina</b>

di prima matina





Dalla raccolta "Poeti per caso", edita nel 2002 dal Comune di Alia, per gentile concessione.



La poesia rievoca magistralmente alcune figure tipiche dell'ordinaria attività lavorativa degli anni '50.
(by Reporter)






E' appena l'arba e già lu gaddu canta,

lu sacristanu sona la campana,

la luci di lu suli tuttu ammanta,

cumincia la iurnata paisana.


Lu viddanu 'mmardedda lu so mulu,

lu carrica d'aratu e di cuddara

e sinni parti, comu sempre, sulu

pi l'antu chi lassau a la Mulara.


Va lu craparu, pi l' antichi strati

, cu li so crapi a vinniri lu latti,

pi li nichi, li viecchi e li malati;

li ucci 'nterra lìccanu li jatti.


Lu firraru va grapi la putìa,

sbatti la porta e, pua, la forgia adduma,

tuttu lu iuornu sbatti e sfirrazzia,

fa fierri, arati, cancari e s'affuma.


Mentri a lu vancarieddu lu scarparu

cu liésina, cu augghia e cu trinciettu,

s'assetta, s'arrisetta lu falaru

e pua acoumincia a risulari un piettu.


Un mastro fallignami murmurusu,

manu a virrina metti cu primura;

lu lignu è duru e a fari lu purtusu,

si voli Diu, finisci quannu scura.


Lu muraturi cu lenza e livieddu,

cu la zappa, la pala e la curriola,

cumincia la iurnata, puvurieddu,

addannànnusi a circari la cazzola.


Lu sartu cu l' augghia e lu itali

è pronto a dari 'ncimi ed 'a tagghiari;

ci metti a fari un paru di cusciali

un iuornu sanu e pua l'av'a stirari.


Lu furnaru appuiatu a la maidda,

annacannusi lu culu, cerni e 'mpasta,

metti 'nfurma sei pani e na pupidda,

famìa lu furnu e na guastedda tasta.


Lu putiaru s'appoia all'antalora,

cu sguardu scunsulatu e l'aria afflitta;

li parrucciani si l'aspetta fora

ca la putièdda è lurdulidda e stritta.


Lu vuccieri, cu l'uocchiu a pampinedda,

appizza li braccami a la crucchera,

'ntall' autra cciappizza li vudedda

e li cummogghia, pua, cu la maschèra.


Lu varvieri cu mossa dilicata,

amanti di sunari e "furficiari"

a lu rasuolu duna na strappata

e pua 'nsapuna e radi a so cumpari.


Li pàssari cilìanu sbriusi

'ncapu li tetti e 'ncapu li curdina

faciennu cumpagnia a li carusi

chi scìnninu di cursa la pinnina.


La fimmina di casa, s'è massara,

risetta, lava, scupa e sta 'ncucina;

sidd' è lagnusa, lassa la quarara

e curri a 'ncuitari la vicina.


Lu "ziu" di tutti, barrista di lussu,

cu la solita mossa chi sapiti,

s' asciuca l'uocchi e si stuia lu mussu

e pua si metti a fari li graniti.


Vannu a lu municipiu li 'mpiegati

cu passu lientu e cu lu cori 'n pena

picchì di tutti sunnu fuattiati

s'a travagghiari cci miéttinu lena.


Va lu "ncignieri" cu lo so aiutanti

pi fari un sopralluogo di primura;

forsi va 'ncerca di qualche appartanti

oppuru un danno 'nta la fognatura.


Lu dutturi, cu passu strascinato,

baschiannu, acchiana lientu la muntata

pi ghiri a visitare lu malatu

ca appi propriu na mala nuttata.


La levatrici trasi di lu bagghiu

cu ddù bursuni sempri a li manu,

ritorna di na notti di "travagghiu"

nta na povera casuzza di lu chianu.


L'avvocato, cu borsa e cannetta,

cu l'aria di cu sapi c'av'a fari,

va 'ncerca d'un clienti chi l'aspetta

ca iddu sulu lu potrà sarvari.


Lu paracu, finuta la so missa,

va a porta lu Viaticu a un malatu,

c'un chirichiettu babbarieddu e fissa

ca spisso truppichìa 'nta lu gghiacatu.


Lu marasciallu cu lu briatieri

a passu lientu vanno a la pretura.

Lu scrìssiru a rappuortu 'nfina a ieri

ca lu paisi è di bona natura.


Li schiffarati scinninu a la chiazza,

comu solitamente ogni matina,

pi cùsiri e 'ncimari cu sputazza

'ncapu di cu si rumpi la carina.


Cirinè, 3 Novembre 1995

____________________

Copertina: Grafico dell'Autore.


Viste 12827 - Commenti 0