Saint Ann’s Nenia de Niño

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DIDACUS DIDACUS Pubblicato il 28/12/2008
<b>Saint Ann’s  Nenia de Niño</b>

Saint Ann’s Nenia de Niño

Tu ca la Nonna si’ di lu Bamminu,

di la Madonna la Matri Sant’Anna

e di Iachinu dulcissima manna,

nna lu Vangelu di tìa ‘un si nni parra,

tranni nna chiddu, apòcrifu, di Iàpicu.

Ma ia ti sientu c’annachi a l’Addìa,

dannu ‘na manu a dda Figghiuzza-Mamma,

mentri Giuseppi si scutta lu tuozzu,

nni la putìa cu chiova e cu chianuozzu.

Ti sientu mentri canti a lu Carusu,

chi sta agguacciatu a lu to’ cori granni

d’Ebbrea c’àvi tantu di cuntari..

“Duormi, Niputi, duormi, ch’ è Natali

e ‘un sacciu ancora chi t’à’ regalari,

forsi un cammellu, forsi ‘na pila,

pi’ mètticci li pisci di lu mari,

‘na crapa niura chi fa latti biancu,

un pisci vivu di lu Mari Muortu,

‘n’ancidda d’oru di lu Sciumi Tuortu,

‘na baccaredda di Vaccu e Vaccuottu,

un bummarieddu di la Zza Marìa …”.

Gesuzzu àvi l’uocchi a pampinedda,

ma nun s’arrenni a la Matri Sant ’Anna,

e, cuomu Criaturi e Criatura,

scaccanìa a li truvati di la Nanna,

e penza già ca la so’ Cruci è granni…

“Duormi, Niputi, duormi, ch’è Natali

e la Nanna àvi autru da fari;

quattro viscotta vol’incuddariari…



Didacus


Viste 3956 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali