Aliaeolian Energy Aliaeolian Energy

Sciuscia a la chiazza ch’è nna meravigghia,

lu paisi di Lalia ‘un àvi abbientu,

mi pari espostu a tutti li correnti

e in ogni zona cci pò cchiù di un vientu.

Nni la Chiazza cci pò la tramunta">

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DIDACUS DIDACUS Pubblicato il 26/03/2009
<b>Aliaeolian Energy</b>

Aliaeolian Energy

Aliaeolian Energy

Sciuscia a la chiazza ch’è nna meravigghia,

lu paisi di Lalia ‘un àvi abbientu,

mi pari espostu a tutti li correnti

e in ogni zona cci pò cchiù di un vientu.

Nni la Chiazza cci pò la tramuntana,

e si, d’estati, lu vientu ti spagghia,

nni la mmirnata, stattìnni a la larga,

tranni ca nun ti truovi un agnunieddu

cuom'a chiddu unni nascì lu zzì Giurlannu…

A Santa Rusulia, genti ‘nghirriusa,

e ti nn’adduni di cuomu ti parra,

di cuomu camina e cuomu posa,

cci puonnu Sciroccu e Catanisa,

e, s’è stasciuni, sta’ nna lu dammusu,

se ‘nveci è mmiernu, statti a lu stravientu...

Nna lu nobbili quartieri di lu Chianu,

aria di granni incontri culturali,

cu Tirminisa e cu Cifalutana

si t’intrallazza la Palermitana,

si fira ca cci isa li vistini

a fimmineddi, monaci e parrini,

tantu ca ora indossanu, concordi,

Jesus jeans, pi ogni evenienza...

Sciuscia vientu di suli senz’abbientu,

senza ‘mpirugghi, senza sfinimienti…

Mentri, s’è Prizzitana o è Pruvenza,

nun c’è rispiettu, nun c’è rivirenza,

né lavuranti, né gghiuornu di festa..

Lassa stari Matrici e Rabbatieddu,

ca c’è un tracchiggiu d’almenu sei vienti…

E quannu iucava a l’acìtu catusu,

nna lu me’ bieddu Chianu di la Chiesa,

mi carricava la tramuntana,

e s’arrivava un marzapanieddu

e mi pigghiava pi lu funnamientu

tra du’ cantuna mi facìa vulari

Tantu ca li cumpagni cchiù siusi

li iammi mi rumpìanu, gridànnumi

-Inchiti di petri li sacchetti

di ssi causi curti di vigogna

e ssi scarpini di li uottu iorna,

attìa chi curri cu tanta lena,

ed Eolo ti porta, senza speranza,

“non che di posa ma di minor pena”

(versu quarantacincu, Cantu quintu,

lu Nfiernu di l’amanti sfurtunati,

di la furtura eterna affurturati).


Didacus


Viste 4347 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali