‘A “SIMANA CICLOTURISTICA”

Radici & Civiltà

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
SIRECI PIETRO SIRECI PIETRO Pubblicato il 31/05/2009
<b>‘A “SIMANA CICLOTURISTICA”</b>

‘A “SIMANA CICLOTURISTICA”

Munta n’sella, sunnu l’ottu. “Pronti?! …Via!”.

Oj, duminica, m’passeggiata jamu a Mondellu.

Partennu du’ «Villaggiu», attraversamu Palermu:

via Libertà, Politeama, Massimu, …

Poi i faldi di Muntipiddirinu e a Favorita.

Puru a settembri c’è tantu suli, tanta vita.

Bedda spiaggia. ‘U lidu è ancora chinu di bagnanti.

Cchiù tardu, ‘i Sferracavaddu e Isola

rientramu pi’ lu pranzu tutti quanti.


Lunedì, nn’acchianata ‘i Murriali:

- “Rosalia, veni ccà! ca passa ‘a carovana” -

Rosalia, ca avìa nisciutu di lu frigu

‘na coppa di gelatu di cèvusi nivuri

(roba prelibata, roba nostrana),

nesci m’balcuni a vidìri dda sfilata

di bici e magghi di variu culuri.

‘Nterminabili ‘u giru va avanti

e idda resta allibbita finu alla fini,

scurdannusi nne manu, sutta ‘u suli,

dda coppa di gelatu.

Quannu s’accurgìu ca comu bibita avìa divintatu,

sa vippi pi rinfriscarisi comunque

e davanti all’ultimi ciclisti

tuttu ‘u visu di nivuru apparìu mascariatu.

Nna ‘dda città normanna,

davanti a ‘lu famosu Duomu,

c’è la sosta e premiazioni.

Di ddà supra vidi Palermu

tra ‘lu mari e ‘na corona di muntagni.

…Dda c’era prima tutta la Conca d’Oru!


‘U camiuni cu li bici e i pullman cu i ciclisti,

giovani campiuni anche mondiali, i parenti, i spettaturi,

e i machini di lu staff, nomi ‘nternazionali d’anni ‘50,

sunnu ‘ncamminu martedì matina pi lu Parcu di li Madonii.

Posti belli, lustri e frischi, fatti apposta pi’ turisti.

Da Pulizzi, oj n’festa, si pedala m’passeggiata

alla volta ‘i Petralia e n’agonistica pi’ lu Chianu da’ Battagghia.

- “Chi ran sorti ‘i sirpintuni sta passannu ‘mmezzu ‘e voschi!” -

dicinu l’aceddi ca, alluccuti,

alti nnò celu, pi’ ddu uri, restanu muti.

Poi si scinni pi’ Collesanu e Campofelici,

o fra i jardini ‘i Caltavuturo o i sorgenti di Sciddatu,

ci si ritrova pi far festa alla spiaggia i’ Cefalù.


E’ mercoledì e si va a Casteddammari,

a Scopellu e a S. Vitu.

Splendidi spiaggi, sabbie d’oru,

suli smaglianti. Beddi negozi e ristoranti.

Di sira, riturnàti a Città du’ Mari,

jamu tutti ‘ngiru pu’ villaggiu.

S’abballa. C’è animazioni

all’anfiteatru, e ‘n’terrrazza ‘o piano bar.


‘Stanotti si fa cchiù tardu,

tantu giovedì matina nun c’è gara.

‘O rientru ‘n’camera si po’ fari

‘na gara ‘n’coppia, di ‘nu sport universali.

Si munta …ma nun c’è la bicicletta.

Si percurri ‘u... territoriu, fra distesi, collini,

‘nsenature e alture varie.


Ci si ferma dunni si desidera di più.

(E’ ‘nutili precisari, l’amuri è essenziali).

Nun c’è fretta: si vinci ‘u primu premiu

quannu s’arriva ‘o traguardu n’dui.

‘A matina si va ‘n’spiaggia, nnè campetti:

scket, spinning. In mountain bike

o ‘n’piscina all’acqua-gim.


‘O venerdì, quinta e ultima passiata,

pi’ li vigni e i paisi di S. Giuseppi e Partinicu,

Giardineddu, Chiana Albanesi e S. Cipirreddu.

La passiata è chiamata propriamenti “la via del vino”.

Si ricorda ca’ - nonostanti i corridori, ‘u staff,

la scorta di motociclisti e tuttu ‘u restu,

vidinu spissu passiari pi’ strati d’ogni situ

tante bedde picciotte ca fannu girari la testa -

nna cchiù di 25 anni nun s’è mai verificatu

ca qualcunu abbia inveci ‘mboccatu

‘a cosiddetta… via di l’acitu!


Sabatu matina, doppu ‘a colazioni,

si passa ‘e saluti e si rientra ‘e propri casi.

Avemu passatu ‘na bella settimana,

all’insegna du ciclismu e d’autri sport,

da protezioni civili e du’ turismu.

‘Sta simana è il fiore all’occhiello dei siciliani.

Cuntenti d’avìri gustatu, ‘n bona cumpagnia,

tanti boni piatti tipici, d’ogni paisi e d’ogni via.



Pietro Sireci

_______________________________________________

LA “SETTIMANA CICLOTURISTICA”
DI TERRASINI



Monta in sella, son le otto. “Pronti?! ...Via!”.

La domenica: Passeggiata per Mondello.

Si parte dal « Villaggio » e si passa da  Palermo:

via Libertà, Politeama, Massimo, ...

Poi alle falde di Montepellegrino e Favorita.

Anche a settembre c’è tanto sole, tanta vita.

Bella spiaggia. Il lido è sempre pieno di bagnanti.

Più tardi, da Sferracavallo, Capaci ed Isola,

rientriamo per il pranzo tutti quanti.


Lunedì, nella salita di  Monreale :

- “Rosalia, vieni qua che passa la carovana” -

Rosalia, che aveva tirato fuori dal frigo

una coppa di gelato di gelsi neri

(roba prelibata, roba nostrana),

esce in balcone a vedere la sfilata

di ciclisti con maglie di vari colori.

Interminabile il giro va avanti

e lei resta allibita fino alla fine,

scordandosi nelle mani, sotto il sole,

quella coppa di gelato.

Quando si è accorta che come bibita era diventata,

l’ha bevuta per rinfrescarsi comunque

e davanti agli ultimi ciclisti

tutto il viso di nero apparve colorato.

In quella città normanna,

davanti al famoso Duomo,

c’è la sosta e la premiazione.

Di là sopra vedi  Palermo

tra il mare e una catena di montagne.

...Lì c’era prima tutta la Conca d’Oro!


Il camion con le bici ed il pullman con i ciclisti,

tra cui campioni anche mondiali, i parenti, gli spettatori,

e macchine dello staff, nomi internazionali degli anni '50,

sono in cammino martedì mattina per il Parco delle Madonie.

Posti belli, lustri e freschi, fatti apposta per i turisti.

Da Polizzi, oggi in festa, si pedala in passeggiata

alla volta di Petralia e, in agonistica, per Piano Battaglia.

- “Che gran sorte di serpentone sta passando in mezzo ai boschi!” -

dicono gli uccelli che, sbalorditi,

alti nel cielo, per due ore, restano muti.

Poi si scende per Collesano e Campofelice,

o fra i giardini di Caltavuturo o le sorgenti di Scillato,

ci si ritrova per far festa alla spiaggia di Cefalù.


E’ mercoledì e si va a Castellammare,

a Scopello ed a San Vito.

Splendide spiagge, sabbie d’oro,

sole smagliante. Bei negozi e ristoranti.

Di sera, ritornati a Città del Mare,

andiamo tutti in giro per il villaggio.

Si balla. C’è animazione

all’anfiteatro ed in terrazza, al piano bar.


Stanotte si fa più tardi,

tanto giovedì mattina non c’è gara.

Al rientro in camera si può fare

una gara in coppia, di uno sport universale.

Si monta ...ma non c’è la bicicletta.

Si percorre il... territorio, fra distese, colline,

insenature ed alture varie.


Ci si ferma dove si desidera di più.

(E’ inutile precisare, l’amore è essenziale!).

Non c’è fretta: si vince il primo premio

quando si raggiunge il traguardo in due.

La mattina si va in spiaggia, nei campetti:

sket, spinning. In mountain bike

o in piscina all’acqua-gim.


Il venerdì, quinta ed ultima passeggiata,

per le vigne ed i paesi di S. Giuseppe e Partinico,

Giardinello, Piana degli Albanesi e San Cipirrello.

La passeggiata è chiamata proprio “la via del vino”.

Si ricorda che – nonostante i corridori, lo staff,

la scorta di motociclisti e tutti gli altri,

vedono spesso passeggiare per le strade dei luoghi

tante belle picciotte che fanno girare la testa –

in più di 25 anni, non si è mai verificato

che qualcuno abbia imboccato

la cosiddetta... via dell’aceto!


Sabato mattina, dopo la colazione,

si passa ai saluti e si rientra alle proprie case.

Abbiamo passato una bella settimana,

all’insegna del ciclismo e di altri sport,

della protezione civile e del turismo.

Questa settimana è il fiore all’occhiello dei siciliani.

Contenti anche d’avere gustato, in buona compagnia,

tanti buoni piatti tipici, d’ogni paese e d’ogni via.



Pietro Sireci


Viste 3353 - Commenti 0