Lu cunsigliu di na matri a lu figliu

Radici & Civiltà

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
Pubblicato il 06/06/2009
<b>Lu cunsigliu di na matri a lu figliu</b>

Lu cunsigliu di na matri a lu figliu

Figliu miu lauriatu

to matri ti voli debutatu

pi arricchire l'apparintatu.

Figliu miu nun guardare a destra e manca

nè comu la tizio furrìa l'anca

pensa sulu a la to branca.

Figliu miu nun pinsari ad avutru

pensa a li grana e a San Petru

ca avi li chiavi di lu paradisu.

Figliu miu lauriatu

ti cci viu debutatu

na carrera lesta e bona

senza lampi e senza trona.

Si necessita lu culuri

nun pigliarlo cu amuril'interessi fa lu quatru

siddu è russo o bianco sciuri

cuntanu sulu li dinari.

Cori miu spacunciratu

ticci a fari debutatu

cu sta bedda democrazia

la politica è simpatia

lu travaglio è camurrìa.

Quannu acchiani a ddu liveddu

ti diranno:quantu è beddu!

E ti cercano cani e gatti

vinci tu a conti fatti.

Figliu miu simpatico e beddu

nun ristare puvureddu

puru to patri ch'è disoccupato

iddu ti voli debutatu.

Figliu miu caro e diletto

nun lu perdere stu prugettu.


Elena di Montescuro

_______________________________________

(tratto dal periodico dell'Associazione socio-culturale

“Cartastampata” - giugno 09 – di Lercara Friddi)


Viste 2850 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali