A n'amico

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
Pubblicato il 31/08/2009
<b>A n'amico</b>
L’eventuale pubblicazione di parziali brani musicali allegati a testi scritti è fatta a titolo di Demo, essendo essa finalizzata a documentare la relativa ricerca della rubrica “Radici & civiltà” non avente scopo di lucro, ma, piuttosto, finalità di libera divulgazione culturale.

A n'amico

A n'amico


Voce narrante : Vincenzo Loreto


'Ncoppe Pusilleche, addò chiù tenera

e stenne a mano e Dio,

'nu juorno, l'aria doce da campagna

s'annamurà d'abbrezza da marina e,

pè dispiettu a principe e regine,

nascette don Luigi 'o signurino!


A nobiltà, se sape, nun è cosa

ca o pate passa ae figli;

un nobile di casa e di principato

spissu è nu delinquente mascherato!


La nobiltà di cuore è qualità che spetteva invece

raramente a Don Luigi 'o signurino.

D'altri tempi, pè caso a vita

me l'ha fatto 'ncuntrà

mò tengo 'namico, o chiù putente!


Chi s'accumpagna 'ammane e Dio nun po' sbaglià!


Uocchie sincere, furbe e malandrine,

'cu na guardata già t'ha ammisurato;

e te rice na parola fina fina

e cu na nocca già t'ha 'mpacchettato.


Dice ca tene a terza elementare

è stato sulamente 'mmiezzu 'a via.


All'anema 'e tutte letterate!

si va' verenne, è n'enciclopedia!

Conosce ogni mestiere:

è n'architetto, ingegnere, geometra,

avvocato, artista del colore e della creta!


Credo ca, sì se mette, fa 'o prugetto

pè fa purtà 'o Vesuvio mmiezzu 'o mare!

!Cu' nu pizzo a risa, un po' bonariamente

saluta a gente a bbona e a malamente.

Nu core generoso, sempre pronto

'a dà na mano a chi sta zuppechianno,

conosce e cose e chiese, a vita de Sante

e piglia a core all'anime e i piante.


E po' che vaggia dì?

Si o canuscite, chello che dico è poco, nun è niente!

E, se per caso, nun l'avite 'ncuntrato

vuol dire..nun l'avite ammeretato!!


di Stefano Miele (genero di don Luigi 'o signurinu)



versione italiana

_______________________________



Ad un amico


A Posillipo alto, dove più tenera

si stende la mano di Dio,

un giorno, l'aria dolce della campagna

si innamorò della brezza della marina e,

a dispetto di principi e regine,

nacque don Luigi il signorino!


La nobiltà, si sa, non è cosa

che il padre possa passare ai figli;

un nobile di casato e di principato

spesso è un delinquente mascherato!


La nobiltà di cuore è qualità che spettava invece

insolitamente a Don Luigi il signorino.

In tempi passati, per caso, la vita

me l'ha fatto incontrare


ed ora ho un amico, il più grande!



Chi si affida alle mani di Dio non può sbagliare!


Occhi sinceri, furbi e malandrini,

con uno sguardo già ti ha giudicato;

e ti dice una parola gentile gentile

e con una mossa ti ha sistemato.


Si dice che abbia la terza elementare,

che è stato solamente in mezzo alla strada.


Alla faccia di tutti i letterati!

Se poi vedi, è una enciclopedia!

Conosce ogni mestiere:

è un architetto, ingegnere, geometra,

avvocato, artista del colore e della creta!


Credo che, se volesse, sarebbe capace di fare il progetto

per portare il vesuvio in mezzo al mare!


Con un sorrisino, un po' bonariamente,

saluta la gente sia buona che cattiva.

Un cuore generoso e sempre pronto

a dare una mano a chi è in difficoltà,

conosce le cose di chiesa, la vita dei santi

ed ha a cuore l'anima degli uomini e le piante.


E poi che cosa vi devo dire?

Se lo conosceste, quello che sto dicendo è poca cosa, è niente!

E se, per caso, non l'avete incontrato


vuol dire che non ve lo siete meritato!





Viste 5474 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali