D E E P R O O TS (From Pollina to Alia, one-way)

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DIDACUS DIDACUS Pubblicato il 24/11/2009
<b>D E E P   R O O TS (From Pollina to Alia, one-way)</b>

D E E P R O O TS (From Pollina to Alia, one-way)

D E E P R O O TS

(From Pollina to Alia, one-way)



Avìa un nannìculu ch’era di Pollina,

e fu addattatu di la Madonna,

la Bedda Matri Maria di Li Grazzi,

di marmu bbiancu, lu piettu e la facci,

c’a li nutrichi di li Madonìi

latti, dispensa, in granni abbunnanza

a Servu sua e a Vossignorìa,

ormai, di lu milli e cincucientu.

Di Pollina, vinni, senza iuvenchi,

versu la mità di l’Ottucientu,

e di picciuttieddu, nna li ‘Ucciuna,

(nun cci mancava spirtizza e baldanza!),

passà a patruni e sociu di mànnira,

e fu superiuri di manu manca,‘nna lu ‘Ratorio di la Madonna.

Senza arrivari, nna menu di un ‘nnenti,

cci rumpì lu scaluni a Li Chimienti,

quantu cci dissiru:Chi bieddu iencu!..

Lu nannìculu, ‘Gnaziddu Gencu,

la nannìcula, Antonia Chimentu,

nni la bella funzioni di li nozzi,

davanti a la Madonna di li Grazzi,

Patri Runfola, lu ministranti,

cci dissi a l’aricchi, lu sposu a la sposa,

arrussicannu fin’a la mirudda,

idda, cu li caldacci, nna lu cuoddu…:

’Un c’è bisuognu d’irininni a Pòllina,

pi fari sbummari li bullittuna,

vera raggiuni di lu nostru amuri,

cuomu nni dissi lu Beneficiali,

picchì puru all’Alia c’è Maria Matri,

chi nni l’addeva e nni li nutri…

Didacus


Viste 4109 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali