letterina allo zio d'America

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
PIRRELLO CORRADO PIRRELLO CORRADO Pubblicato il 30/11/2009
<b>letterina allo zio d'America</b>

letterina allo zio d'America

Carissimo e sciacquatissimu ziu,

ti scrivo la presente di fine estate, un' estate piena di feste che hanno rallegrato la nostra Lercara. La notte era meglio di lu iornu. Canzunì e birra in tutte le piazze. Tutto è proseguito secondo un vasto programma tranne una cazzottiata in un locale: una stupidaggine con intervento dei carabinieri. Ma tutto lì; ragazzate, euforia, cosi di nenti.

Tutto il resto è andato bene come affermano gli amministratori e i commercianti. Si fossi tutto l'anno festa lu nostro paisi sarebbe un "casinò" come Sanremo o meglio. Ppi tantu, dìcinu taluni, paga tutto la Provincia e la Regìone. Comu si la Regioni e la Provincia non semmu nuavutri. Comunchi chista è stata ogni annu.

Avissimu a sentire lautra campana chidda chi si lamenta semprí ppurtroppu chi dici ca fanno festi ppi cumigliari li situazioni tristi di lu paisi ca è cu lu culo interra. Si lamentano ca nun c'è travagliu, c'è la disoccupazione, ma non si pò anningari a nuddu ppi un chiovu. E' nata l'era di li badanti chi vennu di la Romania chi badano a li vecchi e li malatí. Menu mali ca ci sunno iddi. Nuddu voli chiù cummàttiri cu li vecchi e li malati. Ora veni di diri ca un patri e na matri tanti figli l'addevavanu, ma in generale nuddu po' badari ppi lu patri e la matri. In un affari mudernu c'è la scusa ca tutti travagliano e nun ci ponnu badari.

Caru ziuzzu beddu, navota mi ricordo iu ca intà na casa c'erano tre generazioni: matri e patri, nanni e figli e quarchi ziu schettu. Non è chi tutto iva beni ma si ringraziava Dio ca si mangiava. Ora nun si aspetta cchiù Custantinobuli ppi fari festa, tutti li jorna sunno boni. Li festi sunnu ancora a nomo di li Santi ma a li Santi nun ci tocca nenti di chiddu chi è la festa. Sulu la passiata cioè la prucissioni chi secunnu mia a tanti ci passa ppi passiata; tantu è veru ca di li cannili ppi purmiusioni e li pedi scausi ora si passò a tacco a spillo e si capita sicaretta in mucca. Comunchi chistu è lu progressu. A li Santi basta la passiata.

La vera festa è ni li chiazzi cu cantanti di grido ca tantu gridano forti ca nun si capisci chi cavoli cantanu. Ma ti assicuro ziuzzu ca la rumurata è tanta. Comunchi, chì cosa ti pozzo diri di cchiuní siddu è veru ca la maggioranza assoluta voli sti così? Chiddu chi siddìa ca taluni approvano chiddu chi si fa e pò si murmurianu dicennu ca di sto passo Lercara va murennu e chi li politicanti pensanu sulu ppi iddi. Una contradízíone di idei chi nun si capisci nenti. Ti pozzo diri ca semmu chini di automobili e nni li strati nun si camína cchiù. La politica esercitata di tanti è comu lu canzuneri chi sonava la banna in parcu, tanti discursi misi assemi chi spesso nun portano a nenti.Tutti hanno ragíuni e nuavutri avemmo a diri "così sia".

Caro ziuzzu mio, veni natrannu a Lercara, veni a lu to paìsì. L'anno chi veni pensanu li direttura di festi di fari meglio ancora. Termino stanco di esseri mezzo li festi e speriamo chi Lercara va avanti sul veru sensu di la parola.

Bacì ppi tutti.

tuo Pipì



Viste 3614 - Commenti 0