La pricissioni

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DI NATALE ANGELO DI NATALE ANGELO Pubblicato il 28/02/2010
<b>La pricissioni</b>

La pricissioni

Senti li tocchi di la fratellanza
ed è già l` ura di la pricissioni;
ognuno scegli la so appartinenza
vistuti tutti coma voli usanza
ca ogni cumpagnia ha lu so colui.


Pàssanu davanti li tambura
appriessu li Fratelli `nculunnati;
giovani, anziani e genti matura
a passi lenti e beni misurati
sfilano pp`i i du lati di la strata.


`Mmanu hanno li torci già addumati
e quannu c`è lu vientu su li guai
s`arrancia ognunu comu megghiu pò,
senza lamenti n`è dispirazioni.


A gloria di la santa riligioni
si girano li strati principali
e poi si torna nni la matri Chiesa
ppi mèttiri lu santu nni l`artaru.


Passanu a lu ratorio li cunfrati
a ricitari l`urtimi prighieri
poi spianninu li cìciri caliati
e si ìnchino di vinu li bicchera.


Sona l`Avi Maria la campana
e ognunu a la so casa si nni torna
cu lu signuri in paci e cu li Santi
sicuru ca l`armuzza avi a sarvari.



Mauro Di Natale


Viste 2531 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali