THE ABBA AT ALIA BEFORE “MADONNA”

Visita il nuovo store di vendita online di prodotti agroalimentari siciliani www.shop-e.it

Radici & Civiltà

DIDACUS DIDACUS Pubblicato il 31/05/2010
<b>THE ABBA AT ALIA BEFORE “MADONNA”</b>

THE ABBA AT ALIA BEFORE “MADONNA”

THE ABBA AT ALIA BEFORE “MADONNA”



Quannu mina lu vientu di Padania,

ingiustamenti, dittu, Tramuntana,

picchì è vientu chi veni di lu Nord,

di li baldi viddani, suspiratu,

si cu l’arii si trovanu a la via,

vuoi bianculina, vuoi tumminìa,

ia pienzu a Pippinu Garibaldi,

cu li so’ Milli, sbarcatu a Marsala,

pi conquistari Trinacria e Calabria

e tuttu lu Regnu di li du’ Sicili,

pi cunsignallu, a Vittoriu, a Teano…


Pienzu a Giuseppe Cesare Abba,

tra li cchiù addutturati di li Milli,

ca, cu la cumpagnia di pulintuna

c’a lu magiaru Eber arrinnìanu,

magna cum quietate, all’Alia, scùranu,

tra vintinovi e trenta di Giugnu,

antivigilia di la Madonna,

quannu l’Alisi, cu fauci in pugnu,

di Rearmici, Valati, Cutugnu,

Passu di lupu e di Bamminu,

Zarbu, Culazzu di Coscascinu,

allarga la manu, cci cadi la fauci,

affida li piecuri a lu lupu

e veni all’Alia, pi la musicata,

cuomu lu stessu Cesare notavit,

nni lu so’ libbru “Da Quarto al Volturno -

Noterelle di uno dei Mille - ”…


“Cesare taccio…”, canta Petrarca,

dannu un esempiu di preterizzioni,

pi cu è armatu di buoni intenzioni,

nni li so’ bella “Canzone all’Italia”,

cincu’ seculi prima di l’imprisa…


“Cesare taccio…”, vi dici stu pirla,

circa la nota d’un gran patriota,

nni li confronti di li nostri Alisi…


“Galeotto fu il libro e chi lo scrisse”,

Donna Francisca a Dante dicissi…



Didacus


Viste 4235 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali