ALIA, AL-ALIA!..

Radici & Civiltà

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DIDACUS DIDACUS Pubblicato il 09/08/2010
<b>ALIA, AL-ALIA!..</b>

ALIA, AL-ALIA!..

ALIA, AL-ALIA!..


Alia, la alta, ti chiamà l’Idrisi,

geografu-poeta, mussulmanu,

quannu di l’Alia scoprì Lu Casàli

e, tutt’attuornu, lu Barbacani,

Lìlici, Pirnici, Rabbatieddu,

di ‘na lu Chianu di lu Zaccanieddu,

mentri, pi lu stratuni cunsulari,

di Gibilrossa a Muncibieddu iava,

cu varva niura, c’ ‘un sapìa varvieri

e testa fasciata di friscu di lana,

di lu culuri di la zafarana…

E ‘un era Sàlem e mancu l’Osàma,

Salidàn, né l’Aljazàri,

era l’Idrìsi Allah Muhammàd,

sinceru amicu di Re Ruggeru.

Alia, la alta, ti chiamà Giardina,

poeta picuraru futurista,

patruni e cumpagnu cu Marinetti,

quannu, pi’ li muntagni di Godranu,

guardannu piecuri e loggi cunsannu,

uocchi di lince e nasu di pipìu,

Alia, ti scoprì, di supra Busàmmara…

Un gnuornu all’Alia, in nuvena, viniennu,

cu piecuri, zubbu, cazza e quarara,

nni ddi rampanti di lu zzi Giurlannu,

Alia, la alta, arrieri, ti chiama,

forsi ispiratu di un conu-gelatu,

chi s’assuppàu, cu vera passioni,

e nun fu scienza, ma intuizioni,

ch’è, pua, ‘na forma di conoscenza,

cuomu ni dici Cruci Binidittu,

nni li so’ estetici speculazzioni.

Alia, la alta, ti chiama stu chistu,

sulu, ispiratu d’amuri schiettu,

chi veni di lu funnu di lu cori,

ca nni sti tiempi di granni duluri,

pi la tragedia di li Tween Towers,

batti a lu circu e batti a lu timpagnu

e un sapi s’è alisi o mussumulisi,

e paci vulissi pi’ tuttu lu munnu

sub umbra alàrum di Dominiddìu,

e si chiamassi cuomu chi sia:

Allà, Elì, Javè, Emanueli:

nomi diversi, radìci comuni,

pi’ significari a un sulu Diu

chi cuva e ama li so’ criaturi.


Didacus

nell'immagine, il mappamondo di al Idrisi per re Ruggero


Viste 3681 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali