PASTA CU LA SARSA E MULINCIANI FRITTI

Visita il nuovo store di vendita online di prodotti agroalimentari siciliani www.shop-e.it

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
LENA COOK LENA COOK Pubblicato il 21/10/2010
<b>PASTA CU LA SARSA E MULINCIANI FRITTI</b>

PASTA CU LA SARSA E MULINCIANI FRITTI

Gli aliesi sono longevi. La loro buona salute è favorita dall'aria sana e dalla cucina basata su criteri di genuinità e moderazione.

Le proprietà salutari del nostro pomodoro sono innumerevoli. Alimento leggero, povero di calorie, ricco di vitamine e minerali, anti infiammatorio, fa parte integrante della cucina aliese ed è protagonista di ricette esaltanti e terapeutiche.

"La pasta cu la sarsa e mulinciani fritti” è un semplice e sostanzioso piatto unico della tradizione culinaria "povera ". Ideale in estate, ammanta di rosso vermiglio le nostre mense e i candidi grembiuli delle massaie. I bimbi, "in fin di desinare, è uno sgomento! ... le patacche... addosso a cento a cento .... e uno spaghetto appiccicato al mento che gli spenzola giù sul grembiali" (E. De Amicis).

Un tempo anche le madie, dove le contadine servivano la pasta con la salsa di pomodoro fresco, si rivestivano di pennellate di porpora, dell'inconfondibile pomodoro “paisano ", presente in abbondanza nelle nostre case, come in una specie di festa cromatica e salutifera.

Per preparare la pasta “cu la sarsa e mulinciani fritti" per quattro persone, occorrono quattrocento grammi di bucatini (o margherite), abbondante salsa di pomodoro "alisi " fatto cuocere per almeno un'ora con aglio, sale, cipolla, basilico.

Dopo averlo setacciato, si condisce con olio e si fa cuocere ancora per qualche minuto una melanzana che, tagliata a fette sottili, si cosparge di sale, si fa scolare per un'oretta e si soffrigge nell'olio bollente.

Si lessano i bucatini al dente, si amalgamo con la salsa calda e si versano in un vassoio, adagian­dovi sopra le melanzane fritte, qualche fogliolina di basilico e ricotta salata, non molto stagionata, a scaglie.

La pietanza è pronta! Capolavoro di bontà che, a ragione, nel Catanese, chiamano "Norma", paragonandola alla famosa opera lirica di Bellini.



Lena Cook


Viste 3807 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali