l’AVIRMARIA

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DIDACUS DIDACUS Pubblicato il 24/03/2011
<b>l’AVIRMARIA</b>

l’AVIRMARIA

Dal quaderno di zia Lia Giallombardo,
Ave Maria, dettata da Ciro Leone Cardinale



Cala lenta la sira di lu cielu,
chinu di stiddi e di malinconia,
supra la terra scinni comu un velu,
Sona, sona l’AVIRMARIA.
Chista è l’ura divina, tuttu taci
e la genti ch’è dintra e pi’ la via,
si fa la Cruci e prega in santa paci.

Dio Ti salvi, o Maria, cunsòla l’arma afflitta,
tra tutti crisci la paci e l’armonia
e li famigghi biniditti sìanu…
Di l’orfani e di li poveri la sorti,
o Matri Santa, rienni menu ria...
Ora e nni l’ura di la nostra morti,
prega pi mmia Maria e così ssia...



Viste 5825 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali