SEMO TODOS CAMILLEROS...

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DIDACUS DIDACUS Pubblicato il 21/11/2011
<b>SEMO TODOS CAMILLEROS...</b>

SEMO TODOS CAMILLEROS...

Assittati a lu peri di brascera

tanti cosi l’antichi spurmintŕvanu,

supra li iammi, lu scanaturi,

li granni facianu atti d’amuri,

cava, cavando, cavatella,

li picciriddi, la pasta, abbissŕvanu;

fora, Ginuzzu, abbaiava a la luna,

aspittannu Calidda e canigghiuotti


Me’ matri, me’ nonna, la zza Santina,

‘mpastavanu ‘na chilata di farina,

cu sulu sali e acqua di ‘nzira,

acqua di cubba, acqua di giebbia,

di sterna, di puzzu, di favŕra


E, nna lu scanaturi, la scanŕvanu,

e cu li bieddi manu la ciappiŕvanu,

e cu lu sagnaturi, la sagnavanu,

cu uňgghiu d’oliva la massaggiŕvanu,

e, cu la lama, la sminuzzŕvano…


Carmela, Santina , la nonna Nina,

di pasta pigghiavanu quantu tanticchia,

du’ pizzuddicchi, la zza Santina,

e, a la busa, la ‘mpiccicŕvanu

e cu li manu l’arrutuliŕvanu

e, da veri maistri di contralanza,

cu granni iattanza, lu fruttu, sfilŕvanu…


Li cavatieddi, cu ali di cira,

vulavanu, a la raputa di la manu,

e supra criva di sita si pusŕvanu…


La zza Santina, cu manu di fata,

dui nni mittěa, nna li criva di sita,

criva ad uocchi, parati di biancu…


Quannu, un migghiaru, di ‘na chilata,

di bruna farina di tumminěa,

chiŕmali bňssoli o cavatieddi,

in ogni agnuni, avěanu atterratu,

prossimi, siemu, a la granni ‘nsucata…


Cci ŕvi la manu cŕura, Santina,

dicěa, me’ matri, di la vicina,

sůbitu, lu pani, cci scriscenta,

cu tuttu ca lu stissu č lu criscenti,

di li criscinteri, provenienti,

ora a lu musču di Pitrč,

ca ‘un vannu avanti, senza criscituri,

di Deodata e diGiuseppina,

li signorini di la duttrina,

amati suoru di Patri ‘Ucciuni,

ca, di Torretta, un uocchiu cci dava,

pi quantu pŕrracu e prčsbiti sintůtu…


‘Un era dittu ca festa avěa a čssiri,

quannu li cavatieddi si facěanu,

ma era festa, picchě si facěanu…


Ma, pi’ Natali e pi’ Vecchia Strina,

lu Iovi grassu, o di li cummŕri,

lu Rabbatieddu s’avěa a cammarari,

cu sucu d’armalu chi l’ali scunciura

picchě, di Raggiura, s’arrizzulŕu,

fin’all’omňnimu vadduni,

secunnu ‘na cridenza popolari

picchě pistiari, chi veni da έστιάζω,

verbu chi ti metti in imbarazzu,

si nun si’ di Beňzia o ginnasiali,

tra quaranta e cinquanta, era campŕri



Didacus


Viste 2783 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali