Springalia Buses Delicacies

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DIDACUS DIDACUS Pubblicato il 13/05/2012
<b>Springalia Buses Delicacies</b>

Springalia Buses Delicacies

Vinni lu tiempu c’a l’Antica Nanna

Cci sciurìa nna li manu la ferra

e a San Giusippuzzu, a lu Burduni,

Cci sciurìa nna li manu lu vastuni,

e a San Giuseppi di lu Bagnascu,

l’uocchi Cci lucianu e ‘un era luscu…


E si si’ amanti di poesia

e lu si’ puru di funci di ferra,

viri sciuruta tutta la campagna.

La nanna lassava la quasetta,

lassava li fierri e pigghiava li busi,

e, un puntu a carcagnu, un puntu a quasetta,

gghiòmmari di lana maritata

scuddariava cuomu fussiru strùmmuli…


Aspetta ca finisciu la busata!…

cci dissi la mugghieri a lu maritu,

ca cci ittava la porta ‘n terra,

a du’ uri di notti, assicutatu,

di li brianti di Aria a la ferra….


Arriva la vigilia d’Ascenzioni

e lu Signuri lieggiu s’àvìa a tèniri,

pi’ spiccari lu vuolu pi’ li Cieli

di la terrazza di lu Cravaniu,

unni ‘n pricissioni lu purtavanu;

li cavatieddi si priparavanu

cu scura farina di tumminìa

e a la busa s’agghiummariavanu

di paraccu sfasciatu e nostalgia

di la belle époque di la vita…


Lu tiempu vinni, asciuttu e profumatu

di inestra e di rosi spampinati

ca, toties quoties, s’arricampava,

lu miraculusu Fra’ Binnardu,

ca crapi e piecuri miracolàverat

di la patologia di lu chiuvardu

a li Principi di Santu Vicienzu,

e, taliannu nn’avanti, a cu viri?!

‘d’insigne parentado, quel portento’…


O sanguis meus…, cci vinni di lu piettu,

finalmenti qualcosa nni nni vinni,

di l’arii di destra e di sinistra,

di lu Cravaniu e di la Funtanedda,

di nni la Chiazza e di la Tribunedda,

duoppu tant’anni di mal’annata,

cu la cugghiuta di sta stasciunata

‘na bedda ‘mposta àm’a ad armari,

cu sìdici viesti e du’ urdunari,

sacchi, visazzi e visazzuotti, chini

di ciciri, favi e tallarò

e ‘n frotta ‘ntipàri pi Gibilimanna

pi ghir’a diri grazzi a la Madonna

ca di li vienti la rosa cumanna...



Didacus


Viste 2931 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali