‘Ricorditi di me, che son la Pia’ ;Gianna, Pierluigi e il Salimbeni…

Radici & Civiltà

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DIDACUS DIDACUS Pubblicato il 25/01/2013
<b>‘Ricorditi di me, che son la Pia’ ;Gianna, Pierluigi e il Salimbeni…</b>

‘Ricorditi di me, che son la Pia’ ;Gianna, Pierluigi e il Salimbeni…

Mi ricuordu di tia, ad uocchi chiusi, mi nni viegnu,

mi ricuordu di tia, pi la via, vìriri m’ài…


Mi ricuordu di tìa, ogni estati, sugnu ccà,

mi ricuordu di tia, tu arrìri e dici ‘Ciao…


Chi bellu sarìa

cu tìa starisìnni…


Ora sciùscia lu vientu e sciùscia cu tìa…


Mi ricuordu di tia, la to’ vuci, la mia,

mi ricuordu di tìa e nun vuogghiu cacciàriti…


Chi bellu sarìa,

campari cu tìa…


Ora lu vientu cancia

e tu vai via…


Mi ricuordu di tia, vina d’acqua, tra li ita,

si ti strinciu, tu vai via, pioggia o lacrima…


Tornerai, ia, lu sacciu,

nel tempo che verrà, nel buio che cadrà,

e vita sempre tornerà…


Nel tempo che verrà, nel freddo che sarà,

sei vita, quasi libertà’…


Mi ricuordu di tìa….


Didacus


Viste 1548 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali