PANTANU, BUNGA BUNGA, CONTINUES

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DIDACUS DIDACUS Pubblicato il 26/02/2013
<b>PANTANU, BUNGA BUNGA, CONTINUES</b>

PANTANU, BUNGA BUNGA, CONTINUES

E’ ancora ‘mmiernu, tra Vuoscu e Pantanu,

ma lu carcarazzu, ridancianu,

tra un àrvulu di nucidda pulizzana

e un peri di piru sclafanitu

sfutti lu surciazzu, ciacaluni,

chi cerca a quarcunu, o zita, o zitu,

forti, sientiennu, li vitamini

di lu suli a li novi di matina,

a la facci di Frivaru, chi s’infila,

puru, nna lu cuornu di lu vuòi,

e vuogghiu fari a Griddu, Va’ a fa’


Ma st’arditi, presenzi, purmintìi,

nun sù’, li suli, rappresentanti

di lu regnu animali e vegetali,

chi li rai di lu suli vannu a scuvari

tra luci e ùmmira di lu suttauoscu:

du’ crastuna, pi li corna, si pìgghianu,

sopravvissuti a li geli di innaru,

nni na nicchia di zaffinata,

fabbricata, petra supra petra,

di la bonarma di lu zzi Tufaniu,

patruni di lu Mulinu di lu lànnaru

e di l’omònima Serra, sutta Lilici,

iennu , pi via Pernice, a li Canciddi…


Un virdi cirtuni, ch’è ‘na meravigghia,

nni nna macchia di ruvetta, spurtati,

chi si la ‘ntiéndinu cu sparacogni,

e un mierru, niuru, cu lu beccu giallu,

pustìa mammalucchi e carasièntuli,

faciennu l’utili e il dilettèvoli,

o divertèvoli, cuomu diri vùa…


Didacus


Viste 2136 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali