FLUCTUALIA FRITTEDDA STREAMING

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DIDACUS DIDACUS Pubblicato il 03/05/2013
<b>FLUCTUALIA FRITTEDDA STREAMING</b>
L’eventuale pubblicazione di parziali brani musicali allegati a testi scritti è fatta a titolo di Demo, essendo essa finalizzata a documentare la relativa ricerca della rubrica “Radici & civiltà” non avente scopo di lucro, ma, piuttosto, finalità di libera divulgazione culturale.

FLUCTUALIA FRITTEDDA STREAMING


(Supongo que este es el momento para rendirse…)


Supongo ca chista è l’ura d’arrènnisi

a la ducizza di la frittedda,

ca pua è chidda di la bell’Alia,

unni, a l’addìa, si duna, la bella…


Cu cipuddetta e oliu extravèrgine,

degno di l’uogghiu di Sant’Oliva,

vergine e martire palermitana,

e di la giarra di papa Bergoglio,

cugghiennu a volu un last-mìnute

pi fari ‘na vulata a lu paisi

senza dillu a lu mièdicu di basi,

calcolannu ca chista Dumìnica,

è terza o secunna di frittedda


E fate del tutto, in linea di massima

d’accumpagnarla cu pani e pasta,

di farina di tumminìa,

e si c’è un pocu di dibbulizza

cupunàtila, cu un uovu di pipìa

o cu cincu’, di padovana…


Si quarchi duminica avissi a satari,

a vui, nun manca, di rimediari

a vugghiunieddu o spicchiati a du’ voti,

di fàrivi fari, li sacri favi,

sacri a Pitagora e a tutta la Magna,

o vuautri stessi, vi li priparati,

si un self-catering, all’Alia, tinìti…


S’è la secunna o la terza Dumìnica,

di Maiu, devotu e profumatu

don’t forget, Lu Crucifissu,

di lu Ratoriu, di lu Sacramientu

o Chiddu, puru, di Marcatubiancu,

e cìciri caliati, a fini festa…


O si propia a Torinu, arristati,

o a Torontu o a Vancouver,

o a Cècina o a Pachino,

a lu stream of consciousness, abbannunàtivi,

secunnu li modi Woolf Virginia,

di la zza Vicenza, di nonna Nina,

spicchiannu favi, piseddi, a la Urfa,

a La Montagna, a Puzzu di Mesi,

e, pi ‘na picca, appinnicàtivi…


La zza Pippina, pua, a la Muntagna,

e, pi li tiempi, nun esagerava,

picchì, quannu, a menziernu, s’arrivava,

cu ddi susùti, di arba sìcula

(E chi durmisti, cu lu culu, scupiertu?!...),

nun si cci virìa, cchiù, di l’uocchi…

‘Na para, d’ova, d’oca, cci calava..


Didacus


Viste 2323 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali