TALIU E PENZU

Radici & Civiltà

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
GUCCIONE ROMUALDO GUCCIONE ROMUALDO Pubblicato il 01/05/2016
TALIU E PENZU
L’eventuale pubblicazione di parziali brani musicali allegati a testi scritti è fatta a titolo di Demo, essendo essa finalizzata a documentare la relativa ricerca della rubrica “Radici & civiltà” non avente scopo di lucro, ma, piuttosto, finalità di libera divulgazione culturale.

TALIU E PENZU

 Aiu di lu paisi un vecchiu ritrattu
appizzatu in faccia a lu me lettu
e quannu curcatu riposu e pinnicchiu
l`aiu suttocchiu e sempre lu talìu.

Anticuleddu è stu paiseddu miu,
ma iu beddu e granni sempre lu viu.

Talìu lu panorama, si viri Caccamu,
si nota Pagghiareddi, San Franciscu e Santa Rusalia.

Talìu e ncuminciu a spaziari cu la menti,
cà ci sunnu poi l`amici e li parenti,
in particulari li me soru e li me frati
e tutti li paisani chi su emigrati.

Pua, cominciu a sfilari comu `na parata
tuttu lu tempu di dda vita passata:
mi veni in menti quannu eru picciotto,
tempi tristi, di miseria e pitittu,
ma sinceri e d`accordo comu li frati
solidali na lu bisogno e necessitati.

Disìu lu maccu e la pasta cu la frittedda,
li cirasi, li castagni e li piridda,
l`acqua frisca e li urciddati di Natali,
finocchi, ficu e li ficurini di San Vitali.

Ricordo li vampi di la quindicina
ni li nuveni a li cincu di matina.

Paiseddu miu ca mi dasti li natali
ti stimu e t`aduru cu amuri filiali.

Orgogliusu sugnu di la to antica grannizza
ca autri ti scipparu a stizza a stizza.

C`è cu ti disprezza e nun ci voli stari
e c`è cu di notti scappassi pi turnari.

Iu pì bisognu inveci appi a emigrari
chista fu la me sorti, chi pozzu fari.

Ma li paisani si ricordanu di mia?

Certu, Pippino. Li picciotti si ricordano di tia.

Veru? E chi sannu di mia?

Sannu ca a la banna la curnetta sunavi
e si ricordanu li beddi sirinata chi purtavi
e chi li carnivalati chi ogni annu organizzavi.

Chisti su li cosi ca mi fannu ralligrari,
né li ricchizzi e mancu li dinari.

Ora penzu ca agghiri a lu paisi
e m`assìgiri vasati pi tri misi
un mi dispiaci pi la forza di vasari
la facci mi l`hanno a fari arrussicari.

Stu signu d`affettu mi duna peni
e Diu ca c`è ancora ca mi voli beni.

Di Giuseppe Benincasa


Interpretazione del cabarettista palermitano Sasà Salvalaggio


______________________________________
Guardo e penso

Ho del paese una vecchia immagine
appesa di fronte al mio letto
e quando da coricato riposo e sonnecchio
la tengo d`occhio e sempre la guardo.


Antico è questo mio paesino
ma io lo vedo sempre bello e grande.


Guardo il panorama, si vede Caccamo,
si nota Pagghiareddi, San Francesco e Santa Rosalia.


Guardo e comincio a spaziare con la mente:
qui ci sono poi gli amici e i parenti,
in particolare, le mie sorelle e i miei fratelli
e tutti i paesani che sono emigrati.


Poi, comincio a sfilare come in una parata
tutto il tempo della vita passata:
mi viene in mente quando ero giovane,
tempi tristi di miseria e fame,
ma (si era) sinceri e d`accordo come fratelli
solidali nel bisogno e nella necessità.


Mi maca il maccu, la pasta con la frittedda,
le ciligie, le castagne e le piccole pere,
l`acqua fresca e i urciddati di Natale ,
i finocchi, i fichi e i fichidindia di San Vitale.


Ricordo le vampe della quindicina
nelle novene alle cinque del mattino.


Paesino mio che mi hai dato i natali
ti stimo e ti adoro con amore filiale.
Sono orgoglioso della tua grandezza
che alcuni ti rubarono goccia a goccia


C`è chi ti disprezza e non ci vuole abitare
e c`è chi di notte scapperebbe per tornarci.


Io per bisogno, invece, son dovuto emigrare
questa fu la mia sorte, che ci posso fare!


Ma i paesani si ricordano di me


Certamente. I giovani si ricordano di te.


Sul serio? E che cosa sanno di me?


Sanno che suonavi la cornetta nella banda
E si ricordano delle belle serenate che facevi
e le feste di Carnevale che ogni anno organizzavi.


Queste sono le cose che mi fanno rallegrare
non le ricchezze e nemmeno il denaro.


Ora penso che devo andare al paese
e che devo ricevere baci per tre mesi
non mi dispiace e a forza di baciare
mi faranno arrossire il viso.


Questo segno di affetto mi fa soffrire
e Dio che c`è ancora che mi vuole bene.


 


Viste 825 - Commenti 0