LU DIALETTU

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
TODARO GIOACCHINO TODARO GIOACCHINO Pubblicato il 08/03/2018
LU DIALETTU

LU DIALETTU

E’ cu’ pinsera e cu’ paroli sparsi
ca cuntu li me’ cosi fatti ‘n versi.
Nun è pì nenti, …sulu pì dilettu,
ca li riportu ‘ndà lu me’ dialettu.

La lingua ca mi detti li natali…
e ca mi guardu di trattarla mali,
picchì cu’ d’idda fu la prima vuci:
salutaiu la terra e li radici.

E’ comu ‘na bannera ‘nfrunti a scocca
ca svintuliamu cu’ la nostra vucca
e tanti su’ li modi di parlari
ch’ogni Regione trova lu so’ diri.

Sunnu strummenta d’ un’ orchestra a sciati
c’ ognunu sona cu’ li propri noti
ed è con arti e tanta fantasia
ca si discurri assemi ‘n armunia.

E’ un vistitu fattu su misura
c’ognunu metti da’ la so’prima ura
e si lu levi, picchì strittu o vecchiu:
nun si’ cchiù tu …a taliariti a lu specchiu.

Nun c’è vrigogna pì lu tò dialettu
picchì pì tutti è un libru scrittu:
di storia antica, fatti cchiù recenti,
sulu parlannu ti vennu a’ la menti:

“ Siculi e Sicani e l’antichi Greci
e prima di Romani li Fenici.
Li Spagnoli vicini Aragunisi
cu’ li cuscini nostri li Francisi.

Scandinavi-Normanni cu’ li navi
e Lombardi, puru iddi di ddi nivi,
attratti tutti da ‘stu beddu situ
pì suli, mari e cibu sapuritu.

E l’ Arabi feroci Saracini,
vinuti ‘ndà stu munnu di cristiani,
lassarunu paroli, costumi ed arti
c’ancora oggi tutti li usamu ‘n parte“.

E’ chista la ricchizza ca traspari
‘nda li modi nostri di parlari.
E s’ava custudiri ‘stu ‘dioma
picchì ricordu di ‘na vecchia fama!

Studiamu puru beni l’Italianu
e lu Grecu e, pi storia, lu Latinu.
Ma chiddu c’ora stu fissa vi dici:
“ di nun abbannunari li radici “.

E dicimulu comu ‘na campana:
“la prima Scola fu la Siciliana “.
_____________________
di Gioacchino Todaro


Viste 382 - Commenti 0