L`8 MARZO

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
TODARO GIOACCHINO TODARO GIOACCHINO Pubblicato il 08/03/2018
L`8 MARZO

L`8 MARZO

Chista si ch’è ‘na conquista
pì li tanti fimmineddi
e pì chistu fannu festa:
suli suli senza d’iddi.


Ora a tutti sunnu pari
e di tanti sunnu megghi
e nun vonnu suttastari
d’addivari sulu figghi.

Sunnu stanchi a stari ‘ncasa
a cummattiri cu tutti,
ora vonnu d’ogni cosa
cù lu pari de’ diritti.

Nun c’è nenti ca li teni
da ‘sta giusta parità:
‘ntà li navi, caputreni
e a tant’atri attività.

La divisa è lu so’ forti.
A stelletti ed alamari
or ci fannu tanta corti;
nun li lassanu scappari.

Ci n’è tanti ca su sbirri
o partiti pì lu frunti,
ci n’è puru ‘ntà li carri
a pigghiari li briganti.

Nun c’è cosa ca li scugna
si su’ misi a lu cumannu
e ‘stu fattu a tutti ‘nsigna:
d’accussì ca va lu munnu!

Sunnu sempri tantu ‘nfuschi
cu’ lu coddu tisu e trantu,
tutti l’atri sunnu muschi
ca nun hannu nuddu cuntu.

Or pì chistu novu eventu
c’è ‘na nova propensione :
sia d’assenze pì lietu eventu
ca pì lunga gestazione.

Ora a tutti suggiriscu,
a li beddi masculiddi:
“ nun mittitivi a ‘ lu friscu
p’un finiri sutta d’iddi”


________________


di Gioacchino Todaro


Viste 280 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali