TIEMPU DI CIRASI

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
TODARO GIOACCHINO TODARO GIOACCHINO Pubblicato il 20/03/2018
TIEMPU DI CIRASI
L’eventuale pubblicazione di parziali brani musicali allegati a testi scritti è fatta a titolo di Demo, essendo essa finalizzata a documentare la relativa ricerca della rubrica “Radici & civiltà” non avente scopo di lucro, ma, piuttosto, finalità di libera divulgazione culturale.

TIEMPU DI CIRASI

(versi declamati dall`Autore stesso)


Era di giugnu, tiempu di cirasi,
quannu ti vitti cu’ ‘na trizza  ‘mmanu
e lu panaru, puru, avevi chinu
cu’ supra d’iddu un mazzu di rosi.

Pì la fatìa e pì lu primu suli:
la facci russa comu  paparina;
di biancu-rosa avevi la vistina:
eri palumma a li so’ primi voli.

Già cunuscìa la bedda tua pirsuna
p’avirla vista da’ la cantunera
prima ca facissi ancora sira:
turnavi di fari la sartina.

Ed atri voti, tutt’arrizzittata
vistuta a festa cu’ li capiddi frischi:
comu di meli pì pigghiari muschi
passavi cu’ l’amica tua fidata.

Pigghiai curaggiu, quantu cu’ du’ mani,
e addumannaì di darminni quarcuna;
pì risposta fu da mia la fuìtina:
lassannumi accussì com’un minchiuni.

Lu sangu si gelò ‘nda li me  vini
p’aviri fattu  ‘sta mala figura.   
A chistu piensu quannu giugnu veni
e a quannu la cirasa è già matura.

Eri palumma a li to’ primi voli
e ìu picciuni, senza ancora l’ali.
________________
Gioacchino Todaro


Viste 710 - Commenti 2
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali