L`affido

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
TODARO GIOACCHINO TODARO GIOACCHINO Pubblicato il 23/03/2018
L`affido
L’eventuale pubblicazione di parziali brani musicali allegati a testi scritti è fatta a titolo di Demo, essendo essa finalizzata a documentare la relativa ricerca della rubrica “Radici & civiltà” non avente scopo di lucro, ma, piuttosto, finalità di libera divulgazione culturale.

L`affido

(Versi declamati dall`Autore stesso)


Tutt’è affidatu a Tìa, o Patri Santu,
di chista vita mia  ogni mumientu
e speru tantu, e n’haiu  si’ tanta vogghia:
di custudirmi sempri la famigghia

Senza l’aiutu Tua diventu nuddu:
comu fantinu privu di cavaddu;
comu rilittu misu ‘nda  ‘n’agnuni
o  varca a’ mari  priva di  timuni.

Di lu t’aiutu, certu, nun su’dignu,
ma, sulu, ‘nda ‘sta vita ia mi spagnu
picchì di tuttu, assai, oggi si senti
di quantu li cosi sunnu malamenti.

E lu t’aiutu Santu puru vogghiu
e, ti lu chiedu propriu comu figghiu,
nun sulu pì mìa ti lu raccumannu:
di stari tutti beni all’Atru Munnu!


Gioacchino Todaro.


Viste 554 - Commenti 2
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali