Acidduzzu senza pinni

Radici & Civiltà

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
TODARO GIOACCHINO TODARO GIOACCHINO Pubblicato il 30/03/2018
Acidduzzu  senza pinni

Acidduzzu senza pinni

E’ comu ‘n’acidduzzu senza pinni,
‘ntà lu so’ nidu di priziusi panni.
L’ucchiuzzi chiusi, da’ la luci offisu,
dormi sirenu sutta l’ali stisu.

Pi  tantu, c’è cu ‘n dormi e vegghia:
stannu a talìari quannu s’arrisvigghia,
com’è misu e comu è lu rispiru,
tinutu ‘nta lu lettu a’ lu riparu.

Si movi l’ali…e la so’ vucca tunna…,
voli accussì lu duci di la minna.
S’accosta a idda , fonti di la vita:
diventa  unu cu’ la matrici amata!

Tra ‘na  talìata, ‘na carizza e un vasu
avveni d’idda teniru travasu.
Cu’ l’ucchiuzzi a vanedda pighia sciatu,
la facci russa… è tuttu cunsumatu!

Spetta a so’ patri darici ‘na manu
di scupunari  tostu lu taianu:
l’oduri è bonu, tuttu rigulari
e s’allesti di darisi da fari.

Ed ora veni tuttu ‘nfarinatu
di borotalcu ed oliu profumatu.
Ripigghia sonnu  ‘nta la notti funna:
prima movi l’ala e la vucca tunna.
                        


Gioacchino Todaro


Viste 56 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali