LU RITRATTU

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
TODARO GIOACCHINO TODARO GIOACCHINO Pubblicato il 09/04/2018
LU RITRATTU

LU RITRATTU

Si fussi di l’arti e a putirlu fari,
su tila forti, travagghiata a manu,
cu pinnillini ti vurrìa pittari:
comu si fussi un veru Principinu.

Di sciuri majulini di campagna,
d’un pizzicu di terra cu dui stiddi
farìa di sangu e latti li gargiuddi
e, l’occhi, dui tizzuna di castagna.

Di cira d’api, tra lu  scuru e biunnu,
cu sucu russu vivu di granatu
farìa la to’ vuccuzza di scarlatu
e li capiddi su lu visu tunnu.

Di matriperla, rosa culurati,
di pasta riali duci mudillatu
farìa, accussì, l’oricchi pitturati
e lu nasiddu appena sullivatu.

Lu sguardu accattivanti e ridancianu,
chinu,  pì tutti, d’amuri e simpatia,
farìa di tìa, cu l’arti di la manu,
comu nisciutu da ‘na fotografia.

Lu mittirìa in mostra, ‘stu ritrattu,
cu ‘na curnici raccamata d’oru,
su lu comò, accantu a lu me’ lettu:
pi’ sentiri, accussì , lu to’ rispiru!


Gioacchino Todaro 


Viste 172 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali