Lu miraculu di fra' Binnardu
Handcrafted 100 grams blackberry candies

Handcrafted 100 grams blackberry candies

Visita il nuovo store di vendita online di prodotti agroalimentari siciliani www.shop-e.it

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
Pubblicato il 25/10/2005
<b>Lu miraculu di fra' Binnardu</b>

Lu miraculu di fra' Binnardu




    Mi la cuntà lu su Pippinu Chiazza,

    mentri facìamu salottu ni la chiazza,

    dintra lu carru supra na visazza,

    picchì fora lu friddu 'mpurpittava

    - era Frivaru, misi curtu e amaru!.-

    sta storia santa di Frati Binnardu,

    monacu di cerca e truzzuariu...

    Nuddu è profeta ni' la propria terra,

    ma fra' Binnardu è omu eccezionali.

    E di miraculi ni fa na caterva...


    "Si mi cridìti, cari signuri,

    avi un piezzu chi vi vuogghìu cuntari

    na storia bella di stu me' parenti,

    chi nascìu na' lu milli e uottucientu...

    Ca me' nannu, a la campìa, mi cuntava..."


    "C'era na vota un viecchiu picuraru

    c'avìa na' mannira ch'era na biddizza,

    tra Turturesi e Terzu di Jusu,

    patruni e sociu di la Principissa

    di Santa Cruci e di Santu Vicienzu

    ca puru ja ci paàva lu 'ncienzu...


    Quannu facìa la muta era un priùri

    viriri milli piecuri a lu passu,

    cu’ deci cratuli, vinti cratulicchi

    e na dicina di cani di mannira...


    Na brutta annata, duoppu li jlàti,

    a li piecuri ci vinni lu chiuvardu,

    ca ci 'mpurrianu l'ugna di li pieri...

    Chiddu c'un fici lu viecchìu picuraru

    pi' fari frunti a dda maledizzioni ...

    Appi a sagnari un migghiaru di piecuri

    e quattromila pieri appi a ciarmari..."

    "Alia, catalia, lu peri t'azzizzu,

    bianca malata di la principissa...,

    Quattrumila voti ripitutu..."


    Ma di guariri nun si ni parrava:

    a deci a deci javanu cariennu,

    c li carusi. senza capezza,

    na' lu menz'jornu e a la scurata,

    si li spartìanu jucannu a li ciampi...

    E l' arrustìanu cu peddi e curàta...

    Fin 'a quannu vinni a la mannira,

    propia comu a lu frati manzunianu

    ca di li nuci pampini ni fici,

    frati Binnardu, monacu nustranu,

    di li tiempi di li Promessi Sposi..."


    "Fermu, Caloriu, cu' sti saracinati!

    Lu Diu Cristianu li piecuri cura:

    a una a una, mànnalli fora...

    E pua viri ca lu vènniri matinu...

    la mannira agghiorna senza chiài,

    picchì Cristu lu voli e San Franciscu

    e la Madonna di Gibilimanna,

    patrona di li àrii e di li màrcati..."


    "Armuzzi Santi, pinzàtici Vui

    pi' li pieri purriti di sta piecura,

    li du' davanti e li du' darrietu

    San Franciscu, 'namuratu,

    di li biddizzi di lu Criatu,

    Maria Santissima di li Grazzi,

    cu' li ciauli supra li casi

    e li palummi chi fannu ‘ tummi tummi ’...

    San’ Antuninu, munachieddu finu,

    chi tieni 'n brazza lu Bamninu,

    dici la missa senza saristanu;

    lu ciervu ti proi l'acqua e lu vinu,

    lu cuorvu ti sona li campani..."...


    E scuddariannu la cruna di li Santi,

    na piecura pigghia e n'autra lassa,

    chiù di setticientu ni passaru:

    setti pi' quattru vint'uottu... e passa…

    Ca misi 'nterra fannu pruvulazzu...

    E, insumma, pi' cuntalla propia tutta,

    ci fu na litanìa di milli Santi,

    picchì setticientu un abbastaru...

    Tutt'e milli chiamati in ajutu,

    e fra' Binnardu ancora ni sapìa,

    puru chiddi ca Pàulu livàu...

    E ad ogni Santu ci dicìa la sua...


    "Arrivederci, omu senza firi,

    lu vènniri matinu, viegnu arrieri…

    dillu a la Principissa e a to' mugghieri…

    E sempri Gesù Cristu sia lodatu..."
    .


    "Attìa Caloriu, mi l' avia scurdatu,

    avanzu un guzzunieddu e un canistratu

    di li du' piecuri di lu Cummientu...

    E 'un smafariari si la sisca è vacanti:

    è Gibilimanna chi jnchi e svacanta,

    e di Lu Cuozzu fra' Binnardu senti...

    di Didacus

    pubblicato in " La VOCE della Mamma " di Alia, nr.3/99, pag.3


Viste 4487 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali