NI FERMA LU SCIATU

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
Pubblicato il 27/10/2005
<b>NI FERMA LU SCIATU</b>

NI FERMA LU SCIATU



    Oh Alia, paisetto di montagna,

    fusti la culla di l'infanzia mia.

    Ja ti lassaiu quannu avia vint'anni,

    n'aju settanta e sempri pienzu a tia.

    Chiancėa quannu ti lassaiu,

    comu si eri la matruzza mia.

    Tuttu na la menti m'arristau

    e dintra l’uocchi la fotografia.


      Parlari ti putėa di tanti genti

      e di li beddi amici chi tinėa.

      Pittāri ti putissi cu un pennello

      e picch' issu tiegnu tanta nostalgia.


      La curpa nun fu tua e mancu mia,

      quannu partėu e nun ti salutaiu.

      La curpa č stata di lu pussidenti,

      ca a tutti quanti schiavi ci tinėa.


      E quannu chių nun potti suppurtāri

      senza pinzāri a chiddu chi facėa,

      pigghiaiu lu trenu e m'alluntanai,

      lassannu dietru a mia tanti ricordi

      li chių beddi di la vita mia.


      Ora, cu Pinu Granata,

      ti mannu un salutu,

      ca puru iddu di tėa č namuratu.

      Parrāmu di tėa ogni minutu,

      diciennu:"Alia ni ferma lu sciatu" .


      di Pino Marchiafava
      pubblicato in " La VOCE della Mamma " di Alia, nr.3/98, pag.17





    Viste 2945 - Commenti 0
    Iscriviti
    ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali