Cortile Genco

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
Pubblicato il 28/10/2005
<b>Cortile Genco</b>

Cortile Genco




      Prima di l'arba… c'era l'arbicedda,
      ni dd'asciutti matinati di maju…

      na lu curtigghiu chi mi vitti nàsciri,
      ca lu sciauru ti jnchìa li naschi
      e t'arrivava na l'ugnia di li peri,
      di li sciuri di barcu na li rasti
      di li finistruna di li casi,
      ca puru la grassura di li staddi
      ti parìa fari sciàuru di sciuri..
      A l 'arbicedda era svigghiu lu curtigghiu…
      Me' nonna Nina rapìa la finestra
      pi ' dari aria a la càmmara di liettu,
      la za Pitridda, assittata a la scecca,
      era 'n partenza pi ' Tri di dinari;
      la zza Calidda svacanta lu rinali
      na un vota e svota, e nuddu si n’adduna…
      pua si chianta dinanzi a la finestra,
      assai cuntenta di lu fattu sua;
      lu zi Turiddu avi n 'attaccu d'asma,
      e si fa aria cu lu muscaluoru...
      Pua vinìa l'arba, dduoppu l'arbicedda:
      lu jaddu mafiusu di la za Pippina,
      a lu purtieddu di la pagghialora,
      un avi propia chiù a cu’ struvigghiari,
      cu’ ddu so’ cantu dittatu di lu cori,
      picchì na lu curtigghiu è jornu granni…

      di Didacus
      pubblicato in " La VOCE della Mamma " di Alia, nr.3/99, pag.3





    Viste 3985 - Commenti 0
    Iscriviti
    ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali