NATALI LUNTANI DI L'ULTIMU MILLENNIU

Visita il nuovo store di vendita online di prodotti agroalimentari siciliani www.shop-e.it

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
Pubblicato il 01/11/2005
<b>NATALI LUNTANI DI L'ULTIMU MILLENNIU</b>

NATALI LUNTANI DI L'ULTIMU MILLENNIU



    Nni 'na sirata di sta longa estati
    ca a chidda di lu Santu si jungi
    ca quannu a Lalia arriva, a cavaddu,
    lu pajsanu lu vinu sprunedda
    e a viviri ci duna ni la bàccara,
    stava pinzannu a quantu dici 'u muottu
    di la citati di Montimajuri:
    "Duopu li Muorti la nivi arrietu i puorti..,"
    ca d'un cristianu mi vitti scumpunutu,
    chi 'un canuscìu, ma notu mi parsi
    cuomu na facci di luna, 'n'austu...
    "Ia sugnu Pinu, figghiu di Libbuoriu,
    avìamu casa arrietu a la Matrici,
    ALIGN=JUSTIFY>
    nun po' pinzari di nun ricurdari,
    pi' via di lu mistieri di me' patri,
    ora appannaggiu di la Parmalàt
    e d'autri zammatàra nazzionali...

    Ma lu nostro prodottu era speciali,
    picchì latti di crapa canusciuta,
    sterilizzatu cu' la tramuntana,
    c'ammansava batteri e cristiani,
    prima di la scoperta di Pasteur,
    e si purtava puru a domiciliu,

    cuomu lu pàrracu, corpus Dòmini...
    Di Savona, unni sugnu da tant'anni,
    si vaju a Marsiglia, passannu li confini,
    pi' squisiti motivi culturali,
    accattu Roquefort e Camembert,

    di vacca lu primu, di piécura, l'autru,
    ma pi' un semplici sfizziu sciovinisticu,
    accattu puru lu caciu di crapa..."

    "O caro Pinu. a tìa nun canùsciu?! ...
    Tu si' l'idolu di la me' prima etàti!...

    Ti ricordi, d'arrietu a la Matrici,
    ca, tu, ammastratu a tirari a li crapi,
    o a l'aciddazzi di Cuozzu di cuorvu,
    puru eri bravu a tirari ciacuddi,

    in verticali, supra la Matrici?!...
    Quannu lu Natali era a li porti,
    sbirsavamu p'arrietua la Matrici,
    a fari crita, cuomu stazzunara,
    pi' pupi e armaluzzi di Presepiu...
    C'eranu allura ni la cumpagnia
    di l'artisti c'avìanu ad operari
    figghi di masci e figghi di burgìsi,
    carusi, c'ora sunnu uomini " illustri" !...

    "Cuomu. nun mi ricuordu, caru Chinu,
    cuomu lu chinu di li vurciddata,
    chi si tiravanu puru a li ziti,
    a la Matrici, ni la Notti Santa?!...
    Lassava li crapi supra lu cuozzu
    pi' vìriri nasciri lu Bamminu
    e pùa dari na manu a fari fuocu,

    na lu chianu di la Chiesa cu' l'amici,
    cuomu lu vuschieri avanti a la Grutta:
    "Autru nun aju, o Divinu nutricu,
    ia fazzu bieddu fuocu e v'arrichìu,
    cu' sti du' manni di ligna di ficu!..."
    'na li luonghi cunti di lì nanniculi,
    c'attuornu ni tinìanu a la brascera,
    e, cu' ddi cari manu rinsiccuti,
    accarizzàvanu paroli santi..."
    di Didacus
    pubblicato in " La VOCE della Mamma " di Alia, nr.4/99, pag.3


Viste 3784 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali