Home - Cronaca - Dal Governo soldi per le opere pubbliche: ecco i comuni madoniti che ricevono il bonus Dal Governo soldi per le opere pubbliche: ecco i comuni madoniti che ricevono il bonus - Fotoracconto di Centanni Giuseppe

Home/Fotoracconti

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito

Home - Cronaca - Dal Governo soldi per le opere pubbliche: ecco i comuni madoniti che ricevono il bonus Dal Governo soldi per le opere pubbliche: ecco i comuni madoniti che ricevono il bonus

Fotoracconto di Centanni Giuseppe


“Con la manovra del popolo abbiamo varato il più grande piano di
investimenti pubblici per i piccoli Comuni degli ultimi anni. A partire
da oggi saranno assegnati ben 400 milioni di euro per realizzare le
opere pubbliche di messa in sicurezza delle infrastrutture. Grazie al
ministro Riccardo Fraccaro, che ha lavorato a questa norma, i sindaci
dei Comuni fino a 20mila abitanti possono finanziare interventi a favore
di strade, scuole, edifici pubblici e beni del patrimonio comunale”. Lo
scrive il vice-premier Luigi Di Maio nel blog del Movimento 5 Stelle
annunciando l’arrivo di queste importanti risorse in favore dei piccoli
comuni italiani. Alla Sicilia saranno destinati circa 20 milioni di
euro. Soldi che saranno distribuiti in base al numero degli abitanti.


Ci saranno fino a 100 mila euro per finanziare subito gli interventi.
I lavori dovranno partire entro il 15 maggio, l’erogazione dei
contributi sarà pari al 50% delle risorse dopo l’avvio dei cantieri
mentre il restante 50% sarà erogato dopo la trasmissione del certificato
di collaudo da parte del direttore dei lavori. “È un meccanismo di
controllo importante che abbiamo stabilito per garantire sicurezza e
regolarità degli interventi di riqualificazione urbana – dice Di Maio –
Allo stesso modo è prevista la revoca dei contributi per chi non
rispetta le scadenze. Grazie a questa norma sarà anche più facile
sbloccare anche le spese di progettazione e quindi l’iter dei lavori
sarà più snello. Finanzieremo solo progetti aggiuntivi rispetto a quelli
inseriti nei programmi territoriali, quindi nuove opere che serviranno a
migliorare la qualità della vita dei cittadini. È un’operazione senza
precedenti di cui siamo estremamente orgogliosi, perché servirà a varare
un piano straordinario di manutenzione pubblica e stimolerà la crescita
del Paese. L’Italia torna ad investire nel proprio futuro”.


Il dato sul numero
di abitanti è stato usato per creare quattro diverse fasce di
finanziamenti: i Comuni con popolazione tra 10.001 e 20 mila unità
riceveranno 100 mila euro; quelli tra 5.001 e 10 mila abitanti avranno a
disposizione 70 mila euro; i paesi con popolazione compresa tra 2.000 e
5.000 abitanti otterranno 50 mila euro, mentre i centri ancora più
piccoli potranno disporre di 40 mila euro. Gli interventi, che potranno
riguardare anche la messa in sicurezza di edifici pubblici, come le
scuole, dovranno iniziare entro il 15 maggio. La prima metà delle
risorse sarà erogata dopo la verifica dell’avvenuto inizio dei lavori,
mentre il saldo avverrà a collaudo effettuato. Il decreto prevede
inoltre che gli interventi non siano già destinatari di altri
finanziamenti e che siano aggiuntivi a quelli inseriti nei primi dodici
mesi dei piani triennali per le opere pubbliche.


Questo l’elenco dei comuni madoniti che beneficeranno del finanziamento


Contributo di 100 mila euro

Cefalù


Contributo di 70 mila euro

Caccamo, Campofelice di Roccella, Castelbuono, Cerda, Gangi


Contributo di 50 mila euro

Alia, Caltavuturo,  Castellana Sicula , Collesano, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Pollina, Sciara


Contributo di 40 mila euro

Alimena, Aliminusa, Blufi, Bompietro, Geraci Siculo, Isnello, San Mauro Castelverde, Scillato





Madonie

 



Pagina 1 di 1
1 immagini presenti
Viste 460 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi fotoracconti