Pubblica

Voci Siciliane

TICLI ENRICO TICLI ENRICO Pubblicato il 08/10/2008
Vi ringrazio di cuore per la grandissima manifestazione d’affetto che

Vi ringrazio di cuore per la grandissima manifestazione d’affetto che

Vi ringrazio di cuore per la grandissima manifestazione d’affetto che si è stretta attorno ad assarca, Vi ringrazio per la Vostra generosità nel mettere a disposizione chi il proprio tempo, chi il proprio denaro chi il proprio supporto morale, pur di non vedere morire questa realtà. E’ più che doveroso da parte nostra, e per nostra intendo quanti collaborano a questo sito, dare dei chiarimenti a tutti voi. Sono perfettamente consapevole dell’importanza che questo sito ha assunto nelle vite di tantissimi nostri concittadini emigrati nel mondo ed anche del valore sociale che ha assunto nella nostra comunità, ma se assarca deve continuare ad esistere, a cambiare deve essere l’atteggiamento di alcuni politici locali, i quali non con gesti, non con azioni ma con la negazione della forma di rispetto più semplice ed essenziale di convivenza civile negano persino il saluto, schivandoti ed evitandoti sol perché su questo sito qualcuno ha espresso critiche a loro carico. Un atteggiamento di chiaro basso costume da parte di individui in veste istituzionale che al contrario dovrebbero essere promotori dell’opposto modo di atteggiarsi, aperti al dialogo con la gente, pur se quest’ultima alza loro critiche sul loro operato (siano esse costruttive o meno), d’altra parte quel desiderio di volersi occupare della cosa pubblica non prescinde proprio la naturale e consequenziale esistenza della critica da parte della collettività? Quanti non volevano essere criticati ed hanno SCELTO di occuparsi della cosa pubblica evidentemente non hanno chiaro il concetto che i loro “clienti” sono la gente, coloro che li hanno delegati ad occuparsi del proprio denaro, e se vogliono continuare a “vendere” il loro prodotto (essere rieletti) sono proprio quei “clienti” che debbono soddisfare. Stanchi quindi di musi lunghi e di offese personali, quando sul personale questa realtà non ha mai tirato in causa nessuno, ci attendiamo che la politica locale rifletta sulle suddette questioni imparando ad aprirsi con la gente verso la quale deve assumere un atteggiamento più riguardoso anche e specialmente quando sono soggetti a critiche relativamente al loro mandato, ed in particolar modo quando queste critiche arrivano da gente che malgrado il proprio stato di bisogno occupazionale, riesce a trovare quella forza interiore di esprimere democraticamente il proprio dissenso verso una qualsiasi problematica. Sino a quando non avremo visto e toccato con mano resterà confermato quanto indicato nella home page di questo sito. Nel qual caso, come quasi certamente sarà, lo stato delle cose dovesse rimanere invariato rispetto al presente deleghiamo l’istituzione comunale, o chi per Lei, a volere continuare quanto intrapreso da assarca in questi 10 anni circa di attività.

Alia - Viste 739 - Commenti 0