Pubblica

Voci Siciliane

DRAGO CALOGERO DRAGO CALOGERO Pubblicato il 16/12/2019
Li Pastigghi

Li Pastigghi

Passata la ricorrenza dei morti, mi arrivava "l`allammicu" (il desiderio), allora facevo la faccia compassata e ............: « Mamma, vuogghiu li pastigghi » (Mamma voglio le castagne secche). Puntualmente, il giorno successivo dopo cena, sul tavolo campeggiava una ciotolina colma di "pastigghi" a cui tutti in famiglia attingevamo per deliziare il palato. Ne ero ghiotto e infinitamente ingordo. Appena finite, tornavo alla carica: « Mamma me li dai 20 lire che vado a comprare li Pastigghi», e mia madre senza destare sentore di un eventuale rifiuto, mi attaccava nell`incoscio e come una provetta psicologa smontava letteralmente la mia ingordigia. Cosė: « dove li vai a comprare?» ed io che qualche giorno prima ne avevo visto un gran bel sacchetto a fianco la porta d`ingresso del negozio, subito rispondevo: « `ntā la za Prizita » (dalla zia Brigida), e mia madre: «Buone, sono veramente buone e anche belle morbide. E sai perchč? Ci fa fare la pipė a la zā Rusulia e puru a lu zi Ciccino». Dopo tale imbeccata mai e poi mai sarei andato a comprare "pastigghi" dalla zia Brigida ed allora cambiavo direzione: « Nenti mamma vaiu `nta lu zi Ninu Nasca» e lei tranquilla: « A fai bene, "chiddi di lu zi Ninu" sono migliori e pių morbidi lui la pipė "cci la fa fari" a Pierino e ogni tanto anche a Totō». Infilava la mano nella tasca "di lu falari (del grembiule) tirava fuori venti lire ramati e me li porgeva « tieni dove vai a comprarli?» ed io « no niente mamma, poi ci mangiamo quelli che porta papā». Autunno, tempo di castagne, ogni qualvolta ne mangio una, il mio pensiero vola la, dove ho lasciato il cuore. Un saluto e un grande augurio di Buon Natale e felice Anno Nuovo a tutti.

Alia - Viste 589 - Commenti 1
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi post