Notizie della Sicilia

GHUMBERT DI CATTOLICA GHUMBERT DI CATTOLICA Pubblicato il 24/09/2012
Manghi Siciliani

Manghi Siciliani

Finora la Sicilia, in agricoltura, era sinonimo di profumati fiori di zagara che davano bellissime arance bionde o pigmentate uniche al mondo per dolcezza e squisitezza.
Sarà così anche in futuro? Non tutti sanno che i mercati orto fruttiferi del nord Italia ed Europei, ora, prima di ricevere gli agrumi siciliani dai frutti arancione che arricchiranno le mense natalizie, sono colmi di cassette con la scritta “Manghi di Sicilia”. I frutti avvolti uno per uno in carte veline, ricordano quelli degli agrumi che prima dell’ultima guerra mondiale attraversava l’oceano per approdare ai mercati statunitensi e nord Europei, frutti avvolti nelle veline in cui venivano inseriti i nomi delle aziende Agricole che li producevano, vanto della nostra terra, i riconoscimenti delle case Reali di tutta l’Europa ed i vari premi ricevuti con le medaglie d’oro delle Mostre Agricole.
Ora la crisi della concorrenza degli agrumi: l’Europa preferisce arance che arrivano da altri paesi dove la manodopera costa meno e invadono i mercati, obbligando i nostri agricoltori a trovare altri cultivar, ed ecco che sono arrivati i Manghi. Inoltre le cultivar dei manghi ha un periodo lungo. Le nostri piantagioni hanno degli ibridi che arrivano dall’Australia ed iniziano a settembre con la varietà Kensington dai frutti gialli-arancio di 400 gr., che ad ottobre è sostituita dalla Delta anch’essi di colore giallo-arancio ma che raggiungono il peso medio di 900 gr, per proseguire a novembre con la B 55 che come la precedente arriva a 800 gr. E per finire a dicembre con una nuova varietà tutta siciliana intitolata F1 con frutti rosso-viola che mediamente raggiungono i 400 gr.
Quest’anno si celebra la Madre Terra e tra il grano e gli agrumi, la Dea Demetra ha voluto regalarci anche dei frutti tropicali, il mango! Ma già presenti nella nostra isola sono gli Avocado, le Annona Cherimola, Fichi d’india, Banani ed i litchi.
Il Mango (Mangifera Indica) è un albero che appartiene alla famiglia delle Anacardiacee, originari dell’India; coltivato in tutte le zone tropicali, il suo frutto è sacro agl’Indù. Venne introdotto in Europa dai portoghesi, l’albero può raggiungere i 40 metri, il frutto ha colori verde, giallo, arancio, e rosso-viola, spesso hanno un forte odore di trementina e sono dolci, succosi ed hanno una consistenza morbida e polposa: è ricco di nutrienti , fibre, pieni di vitamine, polifenoli e carotenoidi; la buccia contiene pigmenti con proprietà antiossidanti . Si mangia preferibilmente fresco e maturo ma quello acerbo con altri ingredienti forma il Chutney, un ottimo condimento per accompagnare la carne, ottimi i gelati e i succhi di mango.
Auguriamo a questo frutto un futuro fortunato e lunga vita nella nostra bella terra di Sicilia, che oltre ad essere stata un coevo di culture e d’ arte; in agricoltura è stata la prima in Europa ad introdurre il riso, la canna da zucchero e tante altre prelibatezze: cara agli dei, che ci hanno dato il grano, l’ulivo ed l’uva.

Taormina - Viste 37522 - Commenti 0
 
Seleziona l'archivio delle notizie di tuo interesse:
Notizie piu' interessanti filtrate dalla redazione di Arte e Cultura della Sicilia
Notizie di eventi di commemorazione della Sicilia
Notizie di Cronaca della Sicilia
Notizie di Politica della Sicilia
Notizie di carattere religioso della Sicilia
Notizie inerenti siciliani emigrati nel mondo
Notizie del mondo dello spettacolo della Sicilia e di siciliani nel mondo
Eccellenze produttive del settore gastronomico e manifatturiero siciliano novità
Notizie sportive della Sicilia


Seleziona l'anno del quale vuoi consultare l`archivio: