VERSO SANTIAGO DE COMPOSTELA

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
GUCCIONE ROMUALDO GUCCIONE ROMUALDO Pubblicato il 20/06/2005
VERSO SANTIAGO DE COMPOSTELA

VERSO SANTIAGO DE COMPOSTELA

“El camino de Santiago” altro non è che la strada di San Giacomo, l’apostolo di Cristo, evangelizzatore e patrono di Spagna . Questa strada è tracciata fisicamente lì e in tanti altri Paesi d’Europa, ma idealmente essa è anche in tutte le parti del mondo, vista la nazionalità dei turisti e dei pellegrini che la percorrono o per fede o per curiosità culturale fino in Galizia, verde regione nord occidentale della Spagna. Il percorso si conclude a 50 Km. dall’Oceano Atlantico, ovviamente nella città di Compostella, nel cui Santuario sono venerate le spoglie di San Giacomo che, anticamente (attorno al 900) all’apparire di una stella, furono ritrovate nel villaggio di Padron, proprio sulla vicina costa. Ovunque presente a Santiago è l’immagine del Santo, raffigurato nelle vesti di pellegrino ( lo straniero, il viandante), con mantello e cappello a larghe tese, sovrastato dalla famosa ormai conchiglia e con in mano un bastone da viaggio recante in cima una zucca per la riserva d’acqua durante il viaggio. I pellegrinaggi a Santiago de Compostela, dal 951, quando sono presumibilmente iniziati, non si sono mai più arrestati, come, d’altra parte, quelli diretti a Roma , a Gerusalemme, a San Tommaso di Canterbury e ai Tre Re Magi di Colonia.  Per Santiago questa pratica toccò il suo più alto culmine di fervore e di creatività artistica nei secoli XI e XII : lo testimoniano ancor oggi le vestigia artistiche ed architettoniche di numerose chiese gotiche e romaniche ed ostelli per pellegrini , disseminati soprattutto lungo “el camino”. Percorrendolo in terra di Spagna , si possono seguire due principali direttrici: quella della costa nord e quella più interna della Castiglia-Leòn alla quale si raccordano le altre provenienti dal sud della Spagna e dal Portogallo. Il vecchio “camino” ancora oggi, come una volta, è percorso a piedi (soprattutto dai giovani), ma ci si va anche in mountain-bike: la strada , rimasta per fortuna ancora bianca, è comunque lunga e faticosa. Per esempio, per percorrere a piedi i mille Km. che separano Santiago da Roncisvalle, nei Pirenei francesi, ci vogliono più o meno 40 giorni, con tappe giornaliere di 25 Km. Non è pensabile produrre un tale sforzo senza una preventiva preparazione atletica. La segnaletica de “el camino”, l’assistenza e l’accoglienza spartana nei rifugi e negli ostelli (ex conventi, ospedali, ecc.. ), le guide dettagliatissime pubblicate nelle principali lingue sono un valido aiuto per i novelli pellegrini che intraprendono il viaggio. “El camino” è soprattutto la strada della fede, ma è anche la strada che ha dato e continua a dare impulso allo sviluppo culturale ed economico delle terre che attraversa . I Paradores, complessi alberghieri a gestione governativa ricavati all’interno di storici edifici, costituiscono attualmente la maggior attrattiva per un turismo di élite. Essi, diffusi in prossimità delle più belle località della Spagna, non mancano di certo lungo “ el camino” .


Viste 3391 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali